il Quotidiano di Salerno

direttore: Aldo Bianchini

SPIAGGE: discese a mare in sicurezza

 

Maddalena Mascolo

SALERNO – La stampa non ha soltanto il compito di fustigare i pubblici amministratori con il controllo continuo ed anche asfissiante del loro operato; la stampa ha anche, se non soprattutto, il compito di collaborare con le istituzioni per metterle velocemente nelle condizioni di risolvere i problemi di carattere generale.

Un paio di settimane fa passeggiando sul lungomare che dal Bar Marconi porta verso Mercatello avevo notato, all’altezza di Piazza d’Armi avevo notato che le due nuove discese a mare erano prive di qualsiasi barriera protettiva e venivano, abusivamente utilizzate dai visitatori occasionali. In verità le due discese erano state parzialmente sbarrate ma le persone avevano con facilità rimosso i presidi di sicurezza per scendere liberamente a mare.

In tarda serata segnalai con WhatsApp l’esistenza di quel pericolo al consigliere comunale Rino Avella (presidente della IV Commissione Comunale Permanente) che il mattino successivo mi mise in collegamento con Nicola Campanile che è il responsabile del settore.

Detto fatto in pochi giorni le due discese a mare furono regolarmente transennate in maniera da non poter essere aperte, e questa mattina il consigliere Avella mi ha inviato una serie di foto a comprova che nel giro di pochi giorni, nell’imminente apertura estiva delle spiagge, le due discese a mare sono state dotate delle opportune ringhiere con passamano speciale in alluminio anodizzato.

Che dire; ringrazio di cuore sia Avella che Campanile per il loro fattivo interessamento che ha avuto l’attesa conclusione nel giro di pochi giorni.

Il breve racconto sta a dimostrare che spesso la cattiva funzionalità dell’amministrazione comunale è causata anche da tutti noi; una semplice segnalazione a volte è sufficiente a risolvere un problema (piccolo o grande che sia) che riguarda la collettività.

 

 

Invia una Risposta

Attenzione: la moderazione dei commenti è attiva e questo può ritardare la loro pubblicazione. Non inoltrare più volte lo stesso commento.