il Quotidiano di Salerno

direttore: Aldo Bianchini

Il Prof. Giuseppe Ippolito,66 anni,originario di Sant’Arsenio (SA), è il nuovo Direttore generale della ricerca e dell’innovazione del Ministero della Salute. Dal 1998 ricopriva la carica di Direttore scientifico dell’Istituto Spallanzani di Roma.

 

dr. Pietro Cusati (giornalista)

Prof. Dr. Giuseppe Ippolito

Sant’arsenio (SA) 6 settembre 2021. Il Prof. Giuseppe Ippolito,66 anni, originario di Sant’Arsenio (SA), è il nuovo Direttore generale della ricerca e dell’innovazione  del Ministero della Salute. Dal 1998 ricopriva la carica di Direttore scientifico dell’Istituto Spallanzani di Roma. Succede a Giovanni Leonardi  che  è diventato Segretario generale del Ministero della Salute.“Una posizione che mi metterà di fronte a una nuova sfida con l’obiettivo di contribuire a livello nazionale alla riorganizzazione della ricerca in sanità ed all’attuazione del Pnrr. Sono orgoglioso di aver diretto per questi anni lo Spallanzani cercando di interpretarne il motivo stesso di esistere, l’ambizione di crescere, il consolidamento del ruolo strategico”, ha scritto in una lettera con cui ha salutato tutto il personale dello Spallanzani. È stato premiato dall’Accademia nazionale dei Lincei per le sue capacità nell’aver fronteggiato “gravi malattie infettive a partire dalla devastante pandemia Covid-19”.Il Prof. Giuseppe Ippolito ha ricevuto il Premio Linceo straordinario per la ricerca interdisciplinare sul Covid-19. Ad assegnarglielo l’Accademia Nazionale dei Lincei sia “per suoi alti meriti scientifici che per le notevoli capacità organizzative dimostrate nel coordinare efficacemente le complesse attività di Laboratorio e quelle Cliniche e di Sanità pubblica, e nel fronteggiare gravi malattie infettive a partire dalla devastante pandemia Covid-19″.  Oltre al premio Linceo, Ippolito ha ricevuto il premio di pari entità della Fondazione Nicola Irti per le opere di carità e cultura, presieduta dal professor Natalino Irti. 

Il Prof. Giuseppe Ippolito ha ricoperto  il ruolo di direttore scientifico dell’Istituto nazionale per le malattie infettive Lazzaro Spallanzani,nel corso degli anni si è occupato di ricerca e assistenza clinica e preclinica, oltre ad aver coordinato le collaborazioni con gli istituti nazionali e internazionali. Sin dagli inizi della pandemia è stato un punto di riferimento per affrontare l’emergenza sanitaria, come membro della Task Force anti-Covid e del Comitato tecnico scientifico. Ha alle spalle una lunga attività di ricerca in campo scientifico, con più di 590 pubblicazioni in Italia e all’estero. Gli ultimi studi del Prof. Ippolito, condotti insieme al professore Rino Rappuoli, riguardano alcune terapie per combattere il Covid-19, come il vaccino Reithera e i super-anticorpi monoclonali.“È una gran bella notizia che da oggi il Ministero della Salute possa avvalersi del lavoro di altre due persone di grande qualità. Ho proposto Giuseppe Ippolito come direttore della ricerca e dell’innovazione e Sergio Iavicoli come direttore della comunicazione e dei rapporti internazionali”. Lo ha detto il  Ministro della Salute, Roberto Speranza.

.

 

 

Invia una Risposta

Attenzione: la moderazione dei commenti è attiva e questo può ritardare la loro pubblicazione. Non inoltrare più volte lo stesso commento.