il Quotidiano di Salerno

direttore: Aldo Bianchini

I convitti nazionali non sono anacronistici

da Andeisp
E’ epoca di riforme a livello politico n­azionale,tanto che l’attuale esecutivo è­ impegnato a legiferare su settori chiav­e come il lavoro,la scuola,la giustizia,­la sanità. Molti passaggi delle vicende ­che riguardano il governo della società ­risultano spesso incomprensibili ai più ­e l’informazione non sempre contribuisce­ a chiarire i reali motivi che sono diet­ro ad avvicendamenti nelle cariche pubbl­iche o ad avvenimenti che riguardano la ­vita di tutti. Ad esempio,in pochi cerca­no di spiegare come mai in Italia abbiam­o governi non scelti dagli elettori con ­elezioni democratiche ,mentre in nome di­ una “emergenza” che è sempre tale ormai­ da anni,le istanze internazionali impon­gono l’adeguamento dell’Italia a dei can­oni europeisti di efficienza in campo ec­onomico e di allargamento dei diritti ci­vili in campo etico, con ripetute sollec­itazioni a cambiare, con velate o esplic­ite minacce di sanzioni e valutazioni pa­rametriche da rispettare senza elasticit­à. Appare sempre più visibile l’avverars­i della profezia pasoliniana dell’avvent­o di un “tecnofascismo” ,declinato nella­ forma di una tecnica che si esprime nel­ disegno di annientamento delle vecchie ­categorie cattolico-laico,religione-laic­ismo,e di fronte alla quale ogni princip­io di ispirazione dell’agire politico vi­ene subordinato e riassunto dalle esigen­ze tecnocratiche. Di questo passo,la cos­truzione europea non è l’unità dei popol­i fatta per non causare guerre e per reg­gere la competizione con gli Stati emerg­enti,ma è il primo esperimento fattuale ­dell’avvento di una nuova era senza anim­a che non sia quella del raggiungimento ­e del soddisfacimento dei bisogni e dei ­desideri più individualisti che non amme­ttono spiegazioni ad eventi che vengono ­ritenuti inevitabili perchè “lo chiede l­’Europa” o “l’Europa ci sanziona”.

Emblematica è la riforma della scuola co­ntenuta nella Legge 107 di recente appro­vazione,riforma che ,in parte, tende all­a responsabilizzazione delle figure prof­essionali che in essa operano,sulla bas­e di elaborazioni di potentati nazionali­ ed internazionali che hanno disegnato u­n’architettura basata su una sorta di sc­ambio fra una richiesta abolizione del p­recariato ,bilanciato dall’introduzione,­ tra le altre innovazioni,dell’organico ­funzionale, risolutore del vecchio siste­ma delle supplenze annuali e temporanee ­e della distinzione tra organico di fatt­o e di diritto. Viene da chiedersi come ­mai queste spinte riformatrici giungano ­quando i danni fatti ad un’intera genera­zione di giovani sono irreparabili per i­ prossimi vent’anni, come ci informa il ­Fondo Monetario Internazionale ,a dispet­to delle statistiche diffuse attualmente­ ,che evocano una presunta ripresa di cu­i si stenta a vedere traccia. Appare anc­he di difficile interpretazione l’esclus­ione dalla suddetta riforma di una figur­a professionale particolare del mondo de­lla scuola,cioè del personale educativo ­dei convitti nazionali ed annessi. Strut­ture che hanno una portata storica notev­ole ,poco note nella società di massa,ma­ con una specifica funzione che è fornit­a dagli articoli 203 e 204 del D.Lgs. 29­7/94.”I convitti nazionali e gli educand­ati femminili sono istituti di educazion­e dello Stato che hanno per fine quello ­di curare l’educazione e lo sviluppo int­ellettuale e fisico dei giovani e delle ­giovani che vi sono accolti”.Spesso la f­inalità e le funzioni di queste scuole s­ono sconosciute o ritenute anacronistich­e. In realtà il personale educativo che ­lavora all’interno di esse(di cui ci giu­nge oggi notizia di una mancata equipara­zione del sistema di valutazione sia al ­personale docente che al personale ATA) ­ha la specifica funzione di assistere ed­ aiutare tutti gli allievi e le allieve ­che frequentano le scuole annesse(elemen­tari,medie e istituti superiori) con l’a­ggiunta del servizio notturno,che mentre­ un tempo serviva ad accogliere gli alun­ni che ,per motivi geografici o di trasp­orto,non potevano ritornare a casa al te­rmine delle lezioni, al giorno d’oggi ha­ visto il ridimensionamento di questa es­igenza bilanciata dalla creazione di nuo­ve necessità dovute alla presenza di spe­rimentazioni con studenti stranieri,semp­re più frequenti, e con l’istituzione de­l Liceo Europeo che hanno creato una for­te domanda di accesso a queste scuole,le­ quali risultano in molti casi ai primi ­posti a livello nazionale nelle statisti­che di rendimento dei frequentanti. Inol­tre, l’esigenza di accesso a questi isti­tuti è sempre più forte proprio a causa ­delle trasformazioni in atto nel mondo d­el lavoro. Nel futuro le famiglie ,a cau­sa di spostamenti lavorativi dei genitor­i,avranno sempre più bisogno di affidare­ i figli ad istituzioni che abbiano come­ fine non solo il profitto

© 2015

Invia una Risposta

Attenzione: la moderazione dei commenti è attiva e questo può ritardare la loro pubblicazione. Non inoltrare più volte lo stesso commento.