il Quotidiano di Salerno

direttore: Aldo Bianchini

RIFIUTI: il compostaggio a Sarno

  La redazione

NAPOLI – <Nonostante la sonora sconfitta politica ed amministrativa conseguita alle recenti consultazioni referendarie, il PD- AFFERMA IL PRESIDENTE DEL GRUPPO FDI ALBERICO GAMBINO- continua, imperterrito, a portare avanti una politica finalizzata a prendere in giro i cittadini.

Un anno e mezzo fa l’attuale governatore solo mediatico DE Luca, da Sindaco di Salerno, non solo si rifiutava di aderire all’Ambito Territoriale Ottimale per la gestione dei rifiuti ma, addirittura, nominato Commissario ad Acta nei confronti dei comuni inadempienti, si rifiutava di esercitare il ruolo conferitogli sostenendo, con ragioni supportate allora anche da me, l’impossibilità, per i Comuni, di aderire all’ATO  “senza che la Regione comunicasse l’entità dei debiti dei Consorzi di Bacino e delle Società Provinciali (dato essenziale per qualunque scelta organizzativa), perché i commissari liquidatori dei consorzi avevano fatto assunzioni i cui costi avrebbero gravato sui cittadini, perché la Regione voleva scaricare i debiti accumulati sui tanti comuni virtuosi e sulle bollette delle famiglie”.

Ad oggi nulla è cambiato, le risposte richieste non sono arrivate eppure il Governatore Regionale, come un novello Miste Hyde e Dottore Jekill, oggi commissaria i Comuni che – come la città di Salerno allora – attendono ancora quelle risposte e, pertanto, non hanno aderito all’ATO.

Tutto ciò alla faccia della coerenza e dei reali interessi dei cittadini che i Sindaci, considerati inadempienti, difendono sul serio. Siamo tutti consapevoli, infatti, che gli ATO non saranno altro che “enormi carrozzoni clientelari” in cui il PD ha l’unico interesse di accaparrarsi “i posti retribuiti di governo” in modo da sistemare “amici e sodali”.

D’altra parte il PD è ormai “maestro indiscusso” delle false propalazioni mediatiche finalizzate ad ingannare i cittadini per cui non può destare sconcerto l’ennesima BABBARIA raccontata ai cittadini di Sarno e dell’Agro a proposito della realizzazione “sul territorio sarnese” di un impianto di compostaggio per 40.000 tonnellate.

Non si è ancora spenta l’eco, infatti, dell’indotta marcia indietro che il Sindaco Canfora è stato costretto a fare su tale impianto, che scopriamo, infatti, dal Piano Regionale di aggiornamento dei Rifiuti (DGR 685 del 06 Dicembre 2016 – pag 287 dell’allegato PIANO), tutt’altro. L’impianto di compostaggio nel Comune di Sarno, infatti, non solo è “CONFERMATO” ma, con le sue 40.000 tonn/anno da smaltire, è assolutamente indispensabile per mantenere in piedi il sistema provinciale di smaltimento.

IL Gruppo Regionale Consiliare FDI- CONCLUDE GAMBINO- si batterà, con ogni mezzo istituzionale a disposizione, per mandare a casa “questi improvvidi amministratori” che non hanno alcun rispetto per le volontà dei cittadini che sono solo considerati “sudditi” cui non è concesso alcun diritto, né civile, né di cittadinanza, né elettorale.>

Invia una Risposta

Attenzione: la moderazione dei commenti è attiva e questo può ritardare la loro pubblicazione. Non inoltrare più volte lo stesso commento.