il Quotidiano di Salerno

direttore: Aldo Bianchini

PALLANUOTO: la Pro Recco batte il Circolo Nautico Posillipo per 9 a 4


la redazione
Nel giorno della presentazione del caimano, la nuova mascotte della Pro Recco, come doveroso omaggio a Eraldo Pizzo, una leggenda della pallanuoto mondiale, simbolo indiscusso del club ligure, il settebello biancoceleste di Mister Vujasinovic ha sconfitto a Genova per 9-4, davanti alla platea festante dei suoi tifosi, il Circolo Nautico Posillipo, conquistando il ventesimo successo consecutivo in campionato.
Prestazione superba degli atleti recchellini che non concedono nulla ai ragazzi di Mauro Occhiello, che rimangono folgorati dalla partenza fulminante degli avversari. Strapotere ligure nella prima frazione di gioco che si chiude 3-0 per i padroni di casa. Subito a segno Aicardi con un bel tiro incrociato ad uomini pari. A seguire con l’uomo in più prima Sukno dal centro e poi Di Somma a pochi secondi dalla fine del tempo.
Secondo parziale sempre a favore dei recchellini per 2-1. Il tempo si dipana a fasi alterne. Poi a 3 minuti 18 secondi i liguri si portano sul 4-0 con Ivovic che finalizza una controfuga di Di Fulvio. Non passa neanche un minuto e il Recco segna il 5-0 con Mandic che, con il suo sinistro, gela il portiere posillipino Tommy Negri. Finalmente il Posillipo si scuote e dopo quasi 15 minuti di gioco, verso lo scadere del tempo, segna la sua prima rete con Cuccovillo che batte il portiere ligure Volarevic. Nel terzo tempo si assiste ancora ad un monologo della Pro Recco che schiaccia i posillipini con un parziale di 4-1. Sukno va a segno dopo appena 26 secondi grazie ad una grande assist di Aicardi. Mandic realizza la sua doppietta e porta il Recco sul 7-1 mentre per i rossoverdi risponde in superiorità numerica Renzuto Iodice. Ma la Pro Recco non teme distrazioni e, facendo girare velocemente la palla, mette Di Fulvio nella condizione di sorprendere la difesa posillipina con la rete dell’ 8-2, seguita da quella realizzata, dopo soli 40 secondi, da Bruni per un perentorio 9-2 che di fatto chiude l’incontro con tempo ancora da giocare. L’ultima frazione di gioco, con un Recco ormai in disarmo, si chude con il parziale di 2-0 a favore del Posillipo. Nella Pro Recco il secondo portiere Dufour sostituisce Volarevic e subito si rende protagonista di tre ottimi interventi, limitando la bella reazione della squadra rossoverde che, comunque, va a segno, a due minuti e mezzo dal termine, con il difensore Dervisis e sul finire con Renzuto Iodice in superiorità numerica per il definitivo 9-4 a favore del Recco.
Partita perfetta quella dei liguri che, nonostante le assenze di Fondelli e Bodegas, lasciati a riposo dal tecnico Vijasinovic, e quella dell’infortunato Tempesti, conquistano un netto successo sul Posillipo, neutralizzando, con una difesa impeccabile, le bocche da fuoco dei posillipini: il centroboa Klikovac e i centrovasca Vlachopoulos e Subotic. Il risultato di 9-4, identico a quello dell’andata, fotografa però un incontro completamente diverso. All’andata i Posillipini giocarono, per buona parte della gara, alla pari con i Campioni d’Italia della Pro Recco, mentre, in questa partita di ritorno, non hanno mai dimostrato di poter competere con i più quotati avversari.

 
PRO RECCO N e PN: Volarevic G., Di Fulvio F.(1), Mandic D.(2), Figlioli P., Alesiani J., Di Somma E.(1), Sukno S.(2), Echenique G., Figari N., Bruni L.(1), Aicardi M.(1), Ivovic A.(1), Dufour M. Allenatore: Vladimir Vujasinovic.

CN POSILLIPO: Sudomlyak M. , Cuccovillo N.(1), Rossi S., Foglio G. , Klikovac F. , Mattiello G., Renzuto Iodice V.(2), Subotic G., Vlachopoulos A., Marziali L., Dervisis G.(1), Saccoia P. (Cap.) , Negri T. . Allenatore: Mauro Occhiello.

Delegato: Costa E. Arbitri: Paoletti A. – Zedda A.
Parziali: 3-0 2-1 4-1 0-2
Superiorità numeriche: Pro Recco 2/5 CN Posillipo 2/9
Nel quarto tempo cambio in porta della Pro Recco: Dufour sostituisce Volarevic
Spettatori: 600

Invia una Risposta

Attenzione: la moderazione dei commenti è attiva e questo può ritardare la loro pubblicazione. Non inoltrare più volte lo stesso commento.