il Quotidiano di Salerno

direttore: Aldo Bianchini

Elezioni 2019: a Cava riparte l’opposizione

La redazione

CAVA de’ TIRRENI – Nella serata  martedì 26 marzo 2019, si è riunito a Cava de’ Tirreni (Sa) il tavolo programmatico cui aderiscono i movimenti politici Dema, Cava Civile, Città in Comune ed il Partito della Rifondazione Comunista. Erano presenti i consiglieri comunali Antonio Palumbo e Marco Galdi, l’ex assessore Enrico Bastolla, il segretario di Rifondazione Comunista, Franco Lupi, accompagnato da Luca Pastore, ed altri militanti dei movimenti, rappresentanti di associazioni del territorio e tecnici.

Si è trattato il tema del “Palaeventi”. Il tavolo è giunto alle seguenti conclusioni:
1) invita l’amministrazione comunale ad avviare l’appalto relativo alla realizzazione del parcheggio a servizio del Palaeventi (costo 2 milioni e 700.000 euro) solo dopo aver appaltato le opere del Palaeventi stesso, onde scongiurare il rischio che rimanga un’opera, date le sue dimensioni, in gran parte inutile;

2) invita l’amministrazione comunale a rivedere, alla luce della gara andata deserta, la scelta di realizzare il Palaeventi, riportando i fondi regionali alla loro originaria destinazione di riqualificazione di Piazza San Francesco, attualmente un parcheggio a cielo aperto alla porta sud della città;

3) concorda con l’amministrazione sulla opportunità di riconsiderare il progetto dell’amministrazione precedente, che destinava alcuni spazi interrati di Piazza San Francesco alla realizzazione di ambienti funzionali all’utilizzo della piazza per spettacoli all’aperto, convenendo sul prevalente interesse della città al maggior numero di posti auto possibili a servizio della movida cittadina, soprattutto dopo la chiusura del parcheggio gestito dal convento francescano in adiacenza all’ospedale;

4) costituisce un tavolo tecnico per delineare, qualora l’amministrazione Servalli non riesca ad avviare concretamente il progetto del Palaeventi, un progetto di massima per la riqualificazione sia della struttura del palazzetto dello sport (si tratta di verificare una diversa funzionalità, da realizzare con un impatto economico più basso), sia per l’area attualmente occupata dai prefabbricati, dove potrebbe sorgere un’area verde attrezzata con parco giochi per i bambini, campi di bocce, ulteriori attrezzature sportive per i giovani, nonché un parcheggio di dimensioni proporzionate alla nuova destinazione dell’aria;

5) il tavolo, infine, ha deciso di istituire una delegazione permanente per incontrare le altre forze politiche che intendano confrontarsi sul futuro della città.

 

 

Invia una Risposta

Attenzione: la moderazione dei commenti è attiva e questo può ritardare la loro pubblicazione. Non inoltrare più volte lo stesso commento.