il Quotidiano di Salerno

direttore: Aldo Bianchini

Fondazione Leonardo Sinisgalli, bilancio del 2019

La redazione

MONTEMURRO – Nell’anno in cui la Basilicata è stata al centro del dibattito culturale nazionale e internazionale grazie a Matera Capitale Europea della Cultura 2019, la Fondazione Leonardo Sinisgalli di Montemurro è riuscita a dare il via a quello che è stato uno dei suoi principali obiettivi sin dalla sua nascita: la ripubblicazione delle opere di Leonardo Sinisgalli, assenti dalle librerie da oltre 40 anni. L’8 ottobre ha infatti visto la luce, per i tipi di Mondadori, il “Furor Mathematicus”, il saggio che al meglio esprime il multiforme ingegno sinisgalliano.  Un risultato straordinario raggiunto grazie alla sinergia con altri soggetti, cui va il più sentito ringraziamento: l’erede testamentaria di Sinisgalli, la dott.ssa Ana Maria Lutescu, l’editore Mondadori, la BCC Basilicata, i soci fondatori e sostenitori della Fondazione, i curatori delle opere.

La Fondazione è stata anche protagonista di due importanti iniziative del programma ufficiale della Capitale Europea della Cultura: la mostra “Le Due Culture: Artefatti e Archivi” curata dal fotografo Mario Cresci nell’ambito del progetto I-DEA dedicato alla valorizzazione degli archivi della Basilicata, nella quale sono stati esposti, da marzo a giugno presso l’hangar di Cava Paradiso a Matera, anche i materiali presenti nella Casa delle Muse di Sinisgalli; l’iniziativa “Capitale per un giorno” dedicata ai comuni lucani, organizzata dal Comune di Montemurro in sinergia con le associazioni del territorio. Nelle tre giornate di eventi, dal 2 al 4 maggio, la Fondazione ha dato il proprio contributo presentando una serie di appuntamenti: la mostra delle opere dell’esperto di grafica Mauro Bubbico “Le raffiche di grandine e il canto della cicala”, la lettura di Sinisgalli da parte del professore della tv Michele Mirabella, il Conciorto dei musicisti e scrittori Biagio Bagini e Gian Luigi Carlone e il laboratorio di fumetto e illustrazione con Erika de Pieri, Francesca Carabelli e Otello Reali, dedicati agli alunni della scuola primaria di Montemurro.

Nella Capitale Europea della Cultura si è tenuta inoltre a settembre, la presentazione della riedizione della rivista «Civiltà delle macchine», fondata e diretta da Sinisgalli, organizzata insieme alla Fondazione “Leonardo – Civiltà delle Macchine” in collaborazione con il Polo Museale della Basilicata.

Per il 2019 il circuito ACAMM, la rete dei musei e delle biblioteche di Aliano, Castronuovo, Moliterno e Montemurro, ha inaugurato a fine agosto nei 4 comuni le mostre dedicate a quattro personaggi dell’arte europea del XX secolo legati alla Basilicata: Pericle Fazzini, Toti Scialoja, Henri Goetz, Assadour. Di quest’ultimo sono stati esposti nella Casa delle Muse dipinti, acquarelli, disegni, opere grafiche, libri d’artista, immagini, documenti del periodo 1967-2013. A dicembre l’artista libanese e amico di Sinisgalli, impossibilitato ad essere presente all’inaugurazione della mostra, è stato accolto e omaggiato nella Casa delle Muse. Visto il grande apprezzamento di pubblico, le mostre sono state prorogate fino al 31 gennaio 2020.

L’impegno della Fondazione Sinisgalli verso le scuole è stato ampio anche nel corso del 2019: ben 21 le scuole secondarie di tutta Italia che hanno scoperto Sinisgalli e la Casa delle Muse grazie alla visite organizzate fra marzo e maggio dalla Fondazione Enrico Mattei nell’ambito del progetto “Nel cuore della Basilicata alla scoperta dell’energia”.  Fra ottobre e novembre, gli istituti di istruzione secondaria di secondo grado di Marsico Nuovo, Moliterno, Pisticci, Potenza sono invece stati protagonisti della decima edizione delle “Lezioni del Novecento ovvero il Furor Sinisgalli per la scuola”, che hanno portato in cattedra docenti d’eccezione come Fabio Stassi, Mimmo Sammartino, Nicola Coccia, Filippo La Porta, Renato Cantore.

L’agosto montemurrese è stata animata dall’appuntamento serale all’aria aperta “Le Muse di Sinisgalli nell’Orto di Merola”, con la presentazione dei libri di Oreste Lo Pomo (Malanni di stagione), Eliana Di Caro (Andare per Matera e la Basilicata), Claudia Durastanti (La straniera), lo spettacolo teatrale “Cunti di casa” di e con Egidia Bruno e l’omaggio a Rocco Brancati con la presentazione del volume che raccoglie i suoi scritti “Visti da vicino. Alla ricerca della lucanità” a cura della moglie Luciana Fatone.

A ottobre, nell’ambito dell’ottava edizione del “Furor Sinisgalli”, la Fondazione e l’Università degli studi della Basilicata hanno organizzato presso l’aula Magna dell’Ateneo lucano a Potenza la presentazione ufficiale del “Furor Mathematicus” a cura di Gian Italo Bischi, pubblicato da Mondadori tra gli Oscar Baobab Moderni, alla presenza, tra gli altri, di studiosi sinisgalliani provenienti da diversi Atenei e del poeta, saggista e traduttore romeno Dinu Flamand.

Fra novembre e dicembre per il progetto “La Forgia di Sinisgalli” sono state organizzate una serie di iniziative: la presentazione del quinto Quaderno della Fondazione, “Le meraviglie di Sinisgalli” di Luigi Tassoni; l’inaugurazione dello mostre “Giulia Napoleone per Leonardo Sinisgalli. Quindici pastelli per le lucide visioni di un amico” alla presenza dell’artista e “Un carciofo in mostra. Sinisgalli e la Superficie Romana di Steiner” a cura di Faber Fabbris; il concerto di Natale con gli United Sounds.

Diverse, infine, le iniziative organizzate da realtà della Basilicata o di altre località italiane, cui la Fondazione è stata invitata a partecipare: la “Conversazione tra Mario Trufelli e Franco Vitelli. In ricordo di Leonardo Sinisgalli” organizzata a gennaio da Letti di sera presso il Museo Archeologico Nazionale di Potenza; la presentazione del volume “Leonardo Sinisgalli e i bambini incisori” di Biagio Russo, organizzata nell’ambito delle Giornate dell’editoria lucana dal Consiglio Regionale della Basilicata a febbraio presso l’Ex Convento San Rocco a Matera; quella organizzata da U.P.E.L. a marzo presso l’Oratorio Beato Domenico Lentini di Lauria; quella organizzata da Letti di sera a Potenza ad agosto; la relazione di Biagio Russo su “Leonardo Sinisgalli e i ragazzi di Via Panisperna” promossa nell’ambito del XXIII Congresso Nazionale Associazione degli Italianisti a settembre a Pisa.

Concluso appena questo intenso 2019, sono già in programma due importantissimi appuntamenti, a coronamento degli sforzi compiuti negli ultimi anni: la pubblicazione e presentazione, già nei primi mesi del nuovo anno, delle altre due opere di Sinisgalli che compongono la trilogia mondadoriana: la raccolta dei “Racconti”, a cura di Silvio Ramat, e quella delle “Poesie”, a cura di Franco Vitelli.

 

Invia una Risposta

Attenzione: la moderazione dei commenti è attiva e questo può ritardare la loro pubblicazione. Non inoltrare più volte lo stesso commento.