il Quotidiano di Salerno

direttore: Aldo Bianchini

In Campania arriva lo psicologo di famiglia.

 

Dr. Pietro Cusati (giurista-giornalista)

dr. Pietro Cusati

NAPOLI ,6 agosto 2020. Il Consiglio Regionale della Campania ha approvato all’unanimità la legge  che introduce la figura dello psicologo di  base .La norma istituisce il servizio di Psicologia di base,  con l’obiettivo di sostenere e integrare l’azione dei medici di Medicina Generale e dei pediatri di libera scelta.  Il servizio è realizzato da ciascuna Asl a livello dei Distretti sanitari di base, ed è svolto da psicologi liberi professionisti a rapporto convenzionale. Lo psicologo di base è inserito nel Distretto socio sanitario per l’attività di assistenza psicologica primaria e opera in collaborazione con medici di medicina generale, con i pediatri di libera scelte e con gli specialisti ambulatoriali, deve fornire un primo livello di assistenza psicologica integrato con gli altri servizi sanitari. Il servizio di Psicologia di base è fondamentale  per i cittadini perché vuole garantire a tutti il benessere psicologico fornendo loro un primo livello di servizi di cura e di assistenza e fornendo anche informazioni utili ai livelli secondari di cura e ai pronto soccorso. Non si può parlare di salute senza includere anche il concetto di salute psicologica. La nuova figura professionale introdotta dalla normativa è caratterizzata da uno stretto legame con il territorio e dalla sinergia con il medico di famiglia. L’obiettivo è quello di intercettare, proprio su segnalazione di quest’ultimo, il disagio per poter assicurare così una presa in carico ottimale del paziente per assicurargli quel quid in più che non è legato solo alla cura del corpo ma anche della psiche. L’obiettivo di salute diventa così un obiettivo di benessere. L’istituzione della figura dello psicologo di base rappresenta una svolta per la sanità territoriale della Campania. Avranno tra i vari obiettivi quello di intercettare precocemente i disturbi psicologici della popolazione in modo che patologie, spesso sottovalutate o trascurate, vengano affrontate in tempo.  “L’approvazione della legge regionale che istituisce il servizio di Psicologia di Base ci rende orgogliosi da tanti punti di vista,ha affermato il Presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca . In primo luogo perché contribuirà al miglioramento della qualità dell’assistenza per il disagio psichico, che molto spesso non fa notizia, si fa fatica a riconoscerlo, ma tanta sofferenza porta alle persone e alle famiglie. In secondo luogo, perché grazie a questa legge tanti professionisti, in primo luogo giovani, potranno avere concrete opportunità di lavoro. E il lavoro è la priorità del nostro governo regionale. Con questa legge la Campania si pone all’avanguardia in Italia e anche in questo settore possiamo camminare a testa alta“.E’  prevista una dotazione finanziaria di 600mila euro per ciascuno degli esercizi 2020 e 2021.  La Giunta Regionale della Campania  dovrà entro 180 giorni, con uno specifico provvedimento, disciplinare la formazione degli elenchi provinciali, oltre alla gestione degli incarichi convenzionali. Lo psicologo di base sarà inserito nel distretto socio- sanitario per l’attività di assistenza psicologica primaria.In Campania verrà  istituito l’elenco provinciale degli psicologi delle Cure Primarie, al quale possono iscriversi i professionisti in possesso dei requisiti,laurea in Psicologia,iscrizione all’Albo degli psicologi,assenza di rapporti di lavoro dipendente a tempo indeterminato con le strutture del Servizio sanitario nazionale regionale,attestato di abilitazione rilasciato dalla Regione Campania a seguito della frequenza e superamento esame finale di specifico corso semestrale regolamentato dalla Giunta Regionale della Campania sul tema dello psicologo di base e sulle cure primarie.La Regione Campania, inoltre, istituisce un Osservatorio regionale che sarà composta da un dirigente psicologo per ciascuna Asl, un dirigente, uno psicologo ospedaliero, due psicologi nominati dell’Ordine degli Psicologi della Campania, due docenti universitari, un funzionario della Regione Campania con competenze e/o titoli in ambito psicologico, un dipendente della Regione Campania con funzioni di segreteria, un rappresentante di una società scientifica di Psicologia, un rappresentante di un’organizzazione sindacale rappresentativa della categoria, un rappresentante dei medici di Medicina Generale e uno dei pediatri di libera scelta.

 

 

 

 

 

 

 

 

Invia una Risposta

Attenzione: la moderazione dei commenti è attiva e questo può ritardare la loro pubblicazione. Non inoltrare più volte lo stesso commento.