il Quotidiano di Salerno

direttore: Aldo Bianchini

Il Cilento e il Vallo di Diano uniti sotto lo stesso simbolo associativo a Cascina

 

Dr. Gesualdo Russo

CASCINA  -  L’Associazione Culturale Amici del Vallo di Diano, con sede a Cascina (Pisa), ha realizzato l’obiettivo di riunire  nella stessa  associazione i Valdianesi e i Cilentani residenti in Toscana.

Il progetto era uno degli obiettivi iniziali dell’Associazione che decise di procedere per gradi in funzione della risposta degli aderenti. Oggi l’AVD è una compagine consolidata sia in termini di iscritti che di iniziative realizzate. Fiore all’occhiello è il Gemellaggio delle due Certose, Calci e Padula, che ha riscosso un notevole successo sia in termini di partecipazione che di stampa.

La nuova denominazione dell’Associazione diventa Amici del Vallo di Diano e del Cilento e il nuovo logo, contraddistinto dai colori verde, ocra e azzurro, ha una forma rotonda la cui scritta racchiude i territori  del Vallo di Diano e del Cilento. Rispetto alla sua formulazione iniziale cambiano il nome e il logo, ma restano immutati le finalità e lo spirito costitutivo.

Vallo di Diano e Cilento rappresentano un unicum indivisibile sia dal punto di vista geografico che antropologico e coniugano la bellezza del mare con la maestosità della montagna. I due territori sono legati non solo dai confini geografici ma, soprattutto, dagli elementi di continuità storica e culturale che li accomuna.

Esistono dei toponimi, Vallo della Lucania e Atena Lucana, che ricordano l’appartenenza di quelle aree alla Grande Lucania. In passato, infatti, Cilento e Vallo di Diano, facevano parte del Principato Citeriore detto anche “Lucania Occidentale”.

Il Cilento e il Vallo di Diano sono attraversati dalla Via Silente, un sentiero meraviglioso che in poco meno di 600 Km, suddivisi in 15 tappe, attraversa l’intero territorio del Parco.

I due territori fanno parte del Parco Nazionale del Cilento, Vallo di Diano  e Alburni.

Il parco istituito nel 1991, con i siti archeologici di Paestum, Velia e la Certosa di Padula è stato riconosciuto dall’UNESCO Patrimonio mondiale  dell’umanità”. Dal 1997 è Riserva della  biosfera e dal 2010 è il primo parco nazionale italiano  a diventare geoparco.

Nel 1944, il noto scienziato americano, Ancel Keys, affascinato dalle abitudini alimentari della popolazione del Cilento, decise di approfondire i suoi studi  al fine di individuare  eventuali rapporti tra l’alimentazione meridionale  e le malattie moderne.  Il lavoro permise di rilevare che la bassa incidenza di malattie cardiovascolari era dovuta alle abitudini alimentari adottate da queste popolazioni. Nacque così, proprio nel Cilento, la famosa Dieta mediterranea ad opera  dello studioso americano  e di sua moglie Margareth  che si erano stabiliti a Pioppi, un villaggio di pescatori, nel comune di Pollica. Grazie agli studi di Keys, portati avanti per oltre 40 anni, la dieta mediterranea nel 2010 ha ottenuto dall’Unesco il riconoscimento di ”Patrimonio Culturale Immateriale dell’Umanità”.

Il Presidente e il Consiglio direttivo dell’Associazione Amici del Vallo di Diano e del Cilento(AVDC) danno il benvenuto ai soci e agli amici cilentani, dando loro appuntamento all’inaugurazione della nuova sede sociale  che è ubicata a Cascina nel centralissimo Corso Matteotti al piano terra della Casa comunale  delle Associazioni. La data dell’evento è prevista (Covid permettendo) per il prossimo mese di Ottobre.

Per info telefonare al  numero: 335 8002885,oppure inviare una mail a: avdtoscana@gmail.com

 

 

Invia una Risposta

Attenzione: la moderazione dei commenti è attiva e questo può ritardare la loro pubblicazione. Non inoltrare più volte lo stesso commento.