il Quotidiano di Salerno

direttore: Aldo Bianchini

Calcio a 5: è la vittoria del collettivo Granata a due lunghezze dal Domitia Grande prova dei salernitani nel derby: doppietta per Altomare. Galiñanes, mole importante di assist e rete su punizione. Magalhaes: “Felice di questo gruppo, avanti spediti”

 

Matteo Maiorano (portavoce Alma)

L’Alma Salerno supera con il punteggio di sette a quattro il Leoni Acerra e consolida le proprie ambizioni in chiave play-off. Buona gara del collettivo granata in un derby spartiacque per la stagione delle due compagini, che permette a Galiñanes e soci di guardare con rinnovata fiducia alle ultime tre gare del campionato. L’Alma Salerno sale così a trentacinque punti in classifica, a meno due dallo Junior Domitia, prossimo avversario di giornata.

LA PARTITA – Mister Magalhaes affida a Carpentieri, complice la squalifica di Fuschino, le chiavi della porta granata. Il numero dodici completa il quintetto titolare con Altomare, Mennella, Galiñanes e Spisso. In avvio l’Alma aumenta subito i giri del motore, pressando nella metà campo il cinque di Puzone. La gara si sblocca al 3’: il corner di Galiñanes trova ben posizionato Altomare che di precisione infila l’ex di turno Canonico. Pochi istanti più tardi l’asse italo-argentino si rinnova: il lungolinea disegnato dal capitano lancia a tu per tu Altomare che trafigge per la seconda volta l’incolpevole portiere ospite. Al 10’ Mennella traccia una parabola precisa per Galiñanes che da due passi spara alto. Puzone chiama time-out per risvegliare l’orgoglio acerrano e al minuto 11 gli ospiti accorciano: splendida girata in area di Suarato che infila la palla nell’angolino alto. L’Alma spinge con il baby Severino, che si fa largo tra le maglie avversarie ma non trova la porta. Cinico invece il cinque ospite, che prima dell’intervallo va a segno di nuovo con Suarato e poi con Madonna, chiudendo avanti il parziale.

Nella ripresa il refrain della gara non cambia: l’Alma spinge subito in cerca del pari, che arriva grazie alla rete di Mennella, servito da Galiñanes, sempre più uomo assist del cinque salernitano. L’argentino è uno specialista dei calci da fermo e lo dimostra al 6’, spedendo la sfera nel sette con precisione chirurgica. L’Acerra però non si disunisce e perviene al pari con il solito Brillante, lesto a trovare un rimpallo fortunoso in area granata. Al minuto 11 l’Alma passa ancora: Mennella, servito con un tacco d’accademia targato Galiñanes, propizia l’autorete ospite. I granata potrebbero prendere il largo ma la conclusione di Spisso dal limite dell’area trova la pronta risposta di Canonico. La svolta della gara arriva a 5’ dalla sirena: Altomare lancia Galluccio che mantiene freddezza sottoporta e con una conclusione potente infila il sesto centro di marca salernitana. Puzone sceglie di giocare con il portiere di movimento ma l’Acerra non inserirà più nessuno nel tabellino dei marcatori. Prima della sirena c’è gioia anche per Spisso, che sigilla una prestazione maiuscola con la rete che permette ai granata di tornare al successo.

DICHIARAZIONI DEL TECNICO MARCELO MAGALHAES“Sono estremamente contento per la prova dei ragazzi, i quali hanno offerto una gara piacevole sotto tanti punti di vista. L’unico neo della partita è rappresentato dai cinque minuti di sbandamento della prima frazione, dove abbiamo concesso tante ripartenze e subito tre reti certamente evitabili. Sono felice anche della prova dei nostri giovani, la quale certifica un livello costante di crescita. La classifica dice tanto sul nostro percorso, abbiamo maturato con largo anticipo la salvezza ma adesso servirà quel dare quel quid in più per un posto tra le grandi del nostro raggruppamento”.

 

Invia una Risposta

Attenzione: la moderazione dei commenti è attiva e questo può ritardare la loro pubblicazione. Non inoltrare più volte lo stesso commento.