il Quotidiano di Salerno

direttore: Aldo Bianchini

Il 18 agosto del 1912 nasceva Elsa Morante, la prima scrittrice a vincere il Premio Strega nel 1957,con il romanzo L’Isola di Arturo (Einaudi), una delle più importanti autrici del Novecento italiano.

 

Dr. Pietro Cusati (giurista-giornalista)

Roma ,18 agosto 2021. Una delle più importanti autrici del Novecento italiano,nata a Roma nel 1912, Elsa Morante, morì il 25 novembre del 1985. Cominciò da giovanissima a comporre poesie,fiabe e racconti che pubblicò su:’’ Il Corriere dei Piccoli , il settimanale oggi,Il Meridiano di Roma. Poetessa,,saggista ma soprattutto romanziera ,autrice di importanti  libri come “Menzogna e sortilegio”, “L’isola di Arturo” e “La Storia”. La prima scrittrice a vincere il Premio Strega nel 1957,con il romanzo L’Isola di Arturo (Einaudi). Agli inizi degli  anni ’30, risale  l’incontro con lo scrittore  Alberto Moravia,  già affermato  grazie al romanzo Gli Indifferenti (Bompiani), pubblicato nel 1929,si sposarono il 14 aprile 1941,erano coniugi e colleghi ,  dopo 26anni si separarono. La storia d’amore tra Alberto Moravia e Elsa Morante,  fu sin da subito tormentata per via delle loro vite infelici, prima che si incontrassero e per i drammi condivisi che si ritrovarono a condividere durante il loro matrimonio. Quando si conobbero, Moravia aveva superato la tubercolosi ossea. Apparteneva a una famiglia borghese e poteva annoverava tra i suoi successi anche quello del suo primo romanzo, “Gli Indifferenti”. Elsa Morante, invece   veniva da una famiglia  modesta e sopravviveva scrivendo articoli per diverse riviste e tesi universitarie. Moravia decise di sposarla perché non voleva più vivere separato da lei, ma nessun anello di fidanzamento, solo un mazzolino di mughetti.Decisero di spostarsi verso Napoli furono bloccati dai fascisti a Fondi, costretti a rintanarsi in Ciociaria. Furono  liberati solo alla fine di maggio 1944, rientrando nella capitale. Dall’esperienza vissuta Moravia pubblicò nel 1957 La Ciociara. Diventerà film nel ‘60 per la regia di Vittorio De Sica con Sophia Loren e Jean-Paul Belmondo e varrà alla Loren l’Oscar per la migliore attrice protagonista. Le condizioni economiche di Elsa Morante e Alberto Moravia vanno via  migliorando ed Elsa visita per la prima volta la Francia e l’Inghilterra. Il rapporto tra i due continua a essere tormentato. «Le coppie di letterati sono una peste , scrive  Elsa, che ha appena concluso Menzogna e sortilegio, all’amica Maria Valli, moglie dell’editore dei racconti di Moravia. Nell’agosto 1948 Menzogna e Sortilegio vince il premio Viareggio e Moravia introduce la moglie nell’ambiente culturale e intellettuale romano, ma Elsa ne prova prima imbarazzo e in seguito fastidio. Alberto  Moravia fondò  la rivista “Nuovi Argomenti”, che diventerà un punto fermo per i dibattiti letterari. Elsa Morante nel frattempo pubblica l’Isola di Arturo con cui vincerà il Premio Strega nel 1957. Dopo 26 anni di matrimonio, tuttavia, si lasciano definitivamente.  Elsa Morante  morirà sola  nel 1985. A tal proposito, Moravia racconterà: “Ho appreso la morte di Elsa a Bonn, in Germania, dove mi trovavo in viaggio per un’inchiesta giornalistica. Era pieno inverno, aveva nevicato moltissimo. Allora sono uscito, ho camminato a lungo nella neve. Ero commosso e cercavo di dissipare la commozione con il gelo della giornata invernale.Tornai a Roma in tempo per il funerale, andai a vedere la salma esposta nella bara. Il viso di Elsa negli ultimi anni si era trasformato nel senso di una vecchiaia un po’ funesta. Con la morte era tornato a un aspetto quasi infantile, sereno, forse sorridente. Nella corsa del carro funebre i fiori, probabilmente male assicurati alla corona, volarono via uno dopo l’altro e andarono a schiacciarsi sull’asfalto: quei fiori che volavano via tra il carro funebre di Elsa e la mia macchina mi fecero un’impressione delirante e simbolica: così era volata via Elsa dalla mia vita”. Moravia, invece, morirà nel 1990.

 

 

 

 

Invia una Risposta

Attenzione: la moderazione dei commenti è attiva e questo può ritardare la loro pubblicazione. Non inoltrare più volte lo stesso commento.