il Quotidiano di Salerno

direttore: Aldo Bianchini

RUGGI: a Cava centro di riferimento e terapia precoce tumori cutanei

 

da Maria Romana Del Mese (portavoce AOU-Ruggi)

L'equipe sanitaria in servizio a Cava de' Tirreni

CAVA de’ TIRRENI – La U.O.C di Dermatologia dell’AOU San Giovanni di Dio e Ruggi d’Aragona di Salerno, ubicata presso il Presidio Ospedaliero Santa Maria Incoronata dell’Olmo, di Cava de’ Tirreni, è centro di riferimento per la prevenzione e la terapia precoce dei tumori cutanei (melanoma, carcinoma  squamocellulare, carcinoma a basocellulare), ed uno dei dieci centri prescrittori autorizzati dalla Regione Campania per le terapie con farmaci biotecnologici, riservati ai pazienti con malattie cutanee infiammatorie croniche(psoriasi, dermatite atopica, orticaria cronica spontanea, idrosadenite suppurativa), che non rispondono adeguatamente alle terapie tradizionali. Il Reparto, diretto dal professore Carlo Marino, che attualmente si compone di 5 medici (tre ospedalieri e due universitari), e di 5 infermieri, è inoltre uno dei centri regionali per la certificazione di malattie rare della cute e degli annessi cutanei, e da poco ha assunto la denominazione di Hub, rispetto alla gestione di malattie complesse, che necessitano di interventi multidisciplinari. Il Presidio di Cava de’ Tirreni, di recente, con DGR n.798 del 29.12.23, è stato anche inserito nella Rete Oncologica Campana per il Trattamento del Melanoma, e il Reparto di Dermatologia, accoglie un bacino d’utenza che spazia da Sapri all’Agro Sarnese, fino ad alcune aree della provincia di Napoli, distinguendosi per le funzioni ambulatoriali, di pronto soccorso, di day hospital, con consulenze integrate di specialisti del Ruggi. Sono attive inoltre, giornate riservate alle prenotazioni per il controllo dei nei con epiluminescenza, alle biopsie cutanee incisionali o alle sedute di crioterapia per precancerosi cutanee. I numeri delle prestazioni sono in continua crescita, con 12mila visite all’anno, dedicate alla prevenzione di tumori cutanei, alle patologie infiammatorie, alle consulenze in collaborazione con diversi medici specialisti, e si registrano 5 accessi in media per ogni paziente, relativi ai day hospital terapeutici e diagnostici. Per smaltire le lunghe liste d’attesa, causate dal crescente numero di richieste, i medici di base hanno la possibilità di inserire nelle ricette da loro prodotte, specifici codici, che attraverso l’identificazione di malattie oncologiche, o di malattie infiammatorie croniche, attribuiscono la precedenza a determinate prestazioni urgenti, abbattendo di conseguenza i tempi d’attesa, a favore di diagnosi e di cure tempestive.

 

Invia una Risposta

Attenzione: la moderazione dei commenti è attiva e questo può ritardare la loro pubblicazione. Non inoltrare più volte lo stesso commento.