il Quotidiano di Salerno

direttore: Aldo Bianchini

Roma: capitale della violenza

Ma.Ma.

MA ALEMANNO PENSA ALLA MISS

Roma, capitale sempre meno sicura. In continuo aumento gli omicidi, 22 da gennaio 2011, le risse in luoghi pubblici, le violenze contro le donne, anche nell’ambito domestico, gli atti di vandalismo, i furti, le rapine.

“Si spara e si uccide in pieno giorno, nelle piazze e nelle strade della città – dichiara il responsabile dell’Osservatorio per la Tutela e lo Sviluppo dei Diritti dell’Associazione “Giuseppe Dossetti”: i Valori” (www.dossetti.it) Corrado Stillo – Sembra di essere tornati ai tempi bui degli anni ’70, durante  il predominio delle bande criminali che tenevano in ostaggio la città. Gli slogan elettorali della campagna di Alemanno nel 2008, “Tolleranza zero”, “Roma sicura”,“Roma cambia”, sono smentiti dai fatti di questi mesi. Mentre la percezione di insicurezza aumenta tra i romani e gli stranieri in visita alla città, il Sindaco Alemanno si dedica al festival dell’effimero come la presentazione di Miss Roma Capitale in programma oggi in Campidoglio”.

E poi un altro passo falso: un discutibile vademecum anti-violenza per le donne in distribuzione in questi giorni nelle fermate della metro.“La sicurezza non è un lusso – commenta Corrado Stillo- come è scritto nel vademecum, che in sostanza aumenta la paura per le donne che escono da sole, consiglia abbigliamento castigato e non appariscente e non propone nulla di concreto, a parte un braccialetto elettronico da 300 Euro. Basta con queste operazioni demagogiche. Chiediamo al sindaco Alemanno, per quanto di sua competenza, di non trascurare lo stato di degrado della Capitale, in cui maturano violenza e impunità, oramai fuori controllo. Poliziotti, vigili urbani, forze dell’ordine devono stare nei quartieri, nelle piazze, nelle ore notturne e durante i giorni di festa, a contatto con i cittadini del centro come delle periferie.”

 

Invia una Risposta

Attenzione: la moderazione dei commenti è attiva e questo può ritardare la loro pubblicazione. Non inoltrare più volte lo stesso commento.