il Quotidiano di Salerno

direttore: Aldo Bianchini

PdL e PD: vanno a nozze … segrete !!

SASSANO – <<Nozze “segrete” a Sassano, si fa per dire, per Nunzia De Girolamo da Benevento e Francesco Boccia da Bisceglie. Deputata Pdl lei, deputato Pd lui. A celebrare il rito civile è stato il sindaco di Sassano Tommaso Pellegrino. Al termine della cerimonia i neo sposi hanno festeggiato in un noto ristorante di Padula. Auguri ai novelli sposi anche da parte di tutta la redazione di Italia 2>>. Esattamente questa la frase d’attacco del servizio andato in onda in assoluta anteprima-esclusiva su Italia/2, una emittente molto nota nel Vallo di Diano. La voce, giovanile, scandisce le parole in rapida successione, senza pause o inflessioni dialettali. Professionalità fuori discussione per il valente cronista che ha messo le mani su una ghiottissima notizia, un vero e proprio gossip, uno di quei gossip che fanno gola a tanti direttori di riviste specializzate, e non è detto che da domani tante riviste non piomberanno sulla notizia acquistandola anche a caro prezzo. Il giovane cronista non va oltre la notizia, come è giusto che sia in questi casi. Ma la riservatezza con cui è stato coperto l’evento, il fatto che due parlamentari (uno di Benevento e l’altro di Bisceglie) decidano di convolare a giuste nozze secondo il rito civile in quel di Sassano, che certamente è un bel paese ma che altrettanto certamente non è l’ombelico del mondo, ad un vecchio cronista come me fa venire dei dubbi, anche al di là della nota,  sbandierata, vecchia e consolidata amicizia dei due con il sindaco di Sassano e già parlamentare Tommaso Pellegrino. Qui gatta ci cova, mi sono detto, tra me e me, subito dopo che un collega del Vallo di Diano nel pomeriggio di Natale mi ha avvertito dell’avvenimento che a noi due era clamorosamente sfuggito.  Ma si sa, nessuno è profeta in patria.  Bisogna dare atto che il giovane  cronista del Vallo di Diano non è la prima volta che riesce a fare gossip nel paese delle orchidee. Detto questo, per chiarezza di intenti, passo a quel “gatta ci cova” che potrebbe voler dire tutto e niente. E’ ormai data e nota l’azione politica che Tommaso Pellegrino sta svolgendo sul territorio e, soprattutto, nelle sedi capitoline che contano. Le elezioni politiche si avvicinano al gran galoppo e intrecciare e/o consolidare vecchi e nuovi rapporti è la chiave giusta che può portare sul tavolo delle candidature il nome dell’ottimo, sereno, ammaliante ma grintoso Pellegrino. La realtà è che il PD ha bisogno di forze nuove e di immagini giovanili oltre che di sicura professionalità per ritornare al governo del Paese nel più breve tempo possibile, il famoso rinnovamento dovrà passare innanzitutto per le singole candidature. E Tommaso Pellegrino ha tutte le carte in regola, anzi rispetto al 2006 quando venne eletto per la prima volta nelle file dei Verdi ha acquisito meriti e valori aggiunti. Innanzitutto è sindaco eletto di una comunità che non è l’ultima del territorio per importanza strategica e validità economica, è presidente del Collegio dei Sindaci del Distretto Sanitario, è diventato insomma in breve tempo, che lo si voglia o no, il personaggio politico di spicco dell’intero Vallo di Diano e verosimilmente dell’intero Cilento, costantemente invitato anche nelle feste democratiche interregionali di partito. Poi possiede una qualità che molti altri sindaci del territorio sognano soltanto di avere: la dialettica forbita, tagliente, accattivante, compiuta e credibile. E allora quale migliore biglietto da visita per Tommaso Pellegrino? Se poi al biglietto si aggiungono l’una dopo l’altra le “amicizie che contano” al tavolo delle candidature, a cominciare da quella solida con Giuseppe Fioroni, mi sembra davvero che il gioco sia ormai fatto. Al di là degli strepiti e delle perplessità, più o meno segrete, evidenziate dalla “Valiante family” e dall’irrequieto Vittorio Esposito che già si va autoproclamando come il coordinatore del PD del Vallo di Diano. Cosa può contare il parere del partito locale quando anche quello provinciale, da tempo schiacciato e isolato sulle posizioni di De Luca, a Roma non conta nulla? Risposte che avremo nei prossimi mesi. Per chiudere, un po’ di cattiveria, voglio ritornare al gossip della notizia data in anteprima da Italia/2. Ottimo ripeto, il servizio, per qualità e professionalità, anche se per la sua completezza manca l’indicazione del ristorante dove “i novelli sposi” sono andati a pranzo. Spero che venga svelato nel prossimo servizio di approfondimento da parte di Italia/2, perché la notizia meriterebbe qualcosina in più. Del resto il gossip è gossip ed ha delle regole precise!!

 

Invia una Risposta

Attenzione: la moderazione dei commenti è attiva e questo può ritardare la loro pubblicazione. Non inoltrare più volte lo stesso commento.