il Quotidiano di Salerno

direttore: Aldo Bianchini

SOPPRESSIONE TRIBUNALI. LA COLPA E’ DELLA MERKEL.

 

 Antonio Citera

ROMA – Mostrare ad Angela Merkel pretesi interventi italiani tesi a diminuire le spese  ed accelerare la macchina della giustizia. Questo sembra essere il vero motivo del provvedimento  di soppressione di circa 1000 uffici giudiziari. In un comunicato stampa, l’ANAI   si scaglia contro la revisione della geografia giudiziaria, sostenendo che il provvedimento  aumenta le spese della giustizia e cancella la giustizia di prossimità, demolendo i diritti dei cittadini. Niente risparmio dunque come preannunciato dal Governo e da chi ha messo in scena questa macchinazione a  dir poco oscena. “I genitori di tale sconsiderato progetto – ha dichiarato il presidente Anai Maurizio De Tilla -  sono il Governo Monti e  inspiegabilmente la Magistratura italiana attraverso il CSM e l’ANM”.  Secondo Anai  può essere giustificabile l’input   dato dal Governo Monti nel tentativo di mostrare ad Angela Merkel pretesi interventi italiani tesi a diminuire le spese  ed accelerare la macchina della giustizia. “Il che non è vero. – ha aggiunto De Tilla – Totalmente ingiustificata è,  invece, la posizione della Magistratura italiana nelle sue componenti nazionali istituzionali ed associative.  Da segnalare  che numerose sezioni territoriali di ANM si sono dissociate dalla posizione centrale con argomenti molto  convincenti”. L’ANAI si chiede come si fa ad insistere sulla realizzazione di un progetto irragionevole e contraddittorio  che allunga i tempi dei processi giudiziari. Si è in presenza di ben venti ordinanze dei Tribunali che hanno sollevato  questioni di incostituzionalità. Già quattro TAR (Lazio, Campania, Sardegna e Basilicata) si sono pronunciati annullando e sospendendo provvedimenti dei tribunali e del Ministero della Giustizia. “Demolire presidi di giustizia e di legalità – ha concluso De Tilla – non fa altro che allontanare i cittadini dalla tutela dei propri diritti, privatizzando la giustizia e rendendola asservita a poteri economici ed a organizzazioni criminali. Altro che riforma epocale e salvifica! Stiamo per imitare il Regno Unito che intende trasformare il complesso dei servizi dell’amministrazione giudiziaria in un’impresa commerciale da affidare ai privati, con il fine dichiarato di ridurre l’impatto delle spese.

In Inghilterra i magistrati si chiedono: che ne sarà della nostra indipendenza?

  In Italia la Magistratura preme per la demolizione degli uffici giudiziari!

Invia una Risposta

Attenzione: la moderazione dei commenti è attiva e questo può ritardare la loro pubblicazione. Non inoltrare più volte lo stesso commento.