il Quotidiano di Salerno

direttore: Aldo Bianchini

Influenza: la paura dei vaccini contagia le famiglie.

 

Antonio Citera

 

ROMA – Dopo le notizie delle presunte morti causate da vaccini sospetti, la tensione fa eco in tutta Italia.  Secondo quanto si apprende dall’AGI quattro genitori italiani su dieci hanno paura degli effetti collaterali indotti dai vaccini: paura della febbre, di una reazione allergica, delle convulsioni; ma anche che il vaccino possa favorire l’autismo, malattie autoimmuni, patologie neurologiche o perfino tumori. I pregiudizi sui vaccini, tornati alla ribalta dopo il blocco cautelativo da parte dell’Aifa di due lotti per delle morti sospette, sono radicati tra gli italiani. Secondo un’indagine condotta dall’Osservatorio Nazionale sulla salute dell’infanzia e dell’adolescenza (Paidoss), i genitori cadono preda di timori il piu’ delle volte infondati, dando credito a una delle tante leggende metropolitane sull’argomento che circolano sul web o nel passaparola fra mamme. Il 23% dei genitori teme che gli effetti immediati dei vaccini possano essere rischiosi, un altro 18% preferisce evitarli ritenendo probabili conseguenze negative per il futuro dei propri figli: L’indagine svela anche che i genitori temono moltissimo malattie come la meningite o l’epatite A, ma pochi sanno che esistono vaccini che potrebbero proteggere i loro figli da queste minacce. La maggioranza fa affidamento al consiglio del pediatra, che in oltre il 90% dei casi raccomanda i vaccini, tuttavia all’atto pratico non molti scelgono la via della prevenzione: il 60% sceglie il vaccino per morbillo, parotite e rosolia, ma solo uno su due vaccina i figli contro lo pneumococco e meno di uno su tre per il meningococco C. Ancora piu’ disattesa l’antinfluenzale, scelta da appena il 10% dei genitori nonostante ormai in diversi Paesi, ad esempio il Regno Unito, se ne raccomandi l’opportunità anche per i piccoli in età scolare che non hanno fattori di rischio.

Invia una Risposta

Attenzione: la moderazione dei commenti è attiva e questo può ritardare la loro pubblicazione. Non inoltrare più volte lo stesso commento.