il Quotidiano di Salerno

direttore: Aldo Bianchini

La Giornata Mondiale e Diocesana del Migrante

 

Da Livio Trapanese
CAVA de’ TIRRENI – La Parrocchia dell’amena Frazione di Santa Maria del Rovo, col suo giovane Parroco, l’amabile don Francesco Della Monica, terrà la Giornata Mondiale e Diocesana del Migrante.
Domenica 18 gennaio 2015 si celebrerà la 101ª Giornata Mondiale del Migrante e del Rifugiato, che avrà per tema: “Chiesa senza frontiere madre di tutti”.  Alle 10.30 saranno accolti i migranti presenti sul territorio cavese, le autorità religiose e civili; alle 11.00 il Direttore Diocesano, don Francesco Della Monica, presiederà la celebrazione Eucaristica, che vedrà coinvolte tutte le realtà associative, parrocchiali e della Città di Cava de’ Tirreni. A seguire, l’equipe diocesana: Andrea Palestra, Rossella Bisogno e Katia Lodato, guiderà un momento di festa con animazione, canti e balli, suggeriti dei gruppi immigrati presenti. Seguirà il pranzo offerto dalla Comunità parrocchiale e nel pomeriggio un dibattito sul messaggio del Santo Padre, Papa Francesco. Il tema della giornata, fa riflettere don Francesco, “mai come in questo contesto storico, ricorda a noi tutti come sia fondamentale l’accoglienza di chi, per vari motivi, è costretto, come furono costretti i nostri padri, a lasciare la propria casa, la dignità, la famiglia, le tradizioni e quant’altro per trovare speranza e sussistenza. La storia ci insegna che il vento non lo può fermare nessuno e così deve essere per l’accoglienza, il rispetto e l’amore per chi si trova a vivere il disagio o la scelta del migrare.
Importante anche il progetto d’integrazione finanziato dalla Migrantes nazionale di Roma e dall’Arcidiocesi di Amalfi – Cava de’ Tirreni; un’altra preziosa occasione per il nostro territorio per offrire a chi è classificato, erroneamente, “come straniero”, un’opportunità e accoglienza.

Invia una Risposta

Attenzione: la moderazione dei commenti è attiva e questo può ritardare la loro pubblicazione. Non inoltrare più volte lo stesso commento.