il Quotidiano di Salerno

direttore: Aldo Bianchini

SOROPTIMIST: inaugurata l’Aula d’Ascolto Protetto per i Minori

Di Giovanna Naddeo

MINORI – Dopo una lunga e intensa battaglia durata cinque anni e l’avvicendarsi di tre Presidenti al Soroptimist International Club di Salerno, finalmente il 10 marzo scorso è stata inaugurata l’Aula d’Ascolto protetto per i minori.

Uno spazio che la sezione salernitana del Soroptimist International – club nato negli USA, ad Oakland, nel 1921 e diffuso oggi in 125 Paesi, per un totale di circa 90.000 socie – dona alla città affinché i minori, interrogati dall’autorità giudiziaria in quanto vittime o anche solo testimoni di avvenimenti tragici o violenti, siano tutelati e si sentano a proprio agio.

Uno spazio familiare e non dispersivo ( all’iniziativa hanno dato un valido contributo diversi artisti salernitani, donando proprie opere d’arte per l’arredamento), ricco di giocattoli e matite colorate,  in cui il minore possa trovarsi solo con il giudice o lo psicologo che gli pone le domande nella maniera più adeguata.

A tal fine, servendosi di ambienti adiacenti, viene installato un impianto a circuito chiuso che, tramite una telecamera, della quale il minore non deve avvertire la presenza, consente la ripresa di tutto ciò che avviene; tutto viene registrato su un CD che può essere riascoltato, in caso di necessità anche sul momento, e che non potrà più essere modificato.

<< Questo tipo di  procedura da un lato rende meno traumatica l’esperienza del minore, dall’altro garantisce maggiore spontaneità alle risposte, con vantaggio sia per il bambino che per la giustizia. >> ha affermato l’arch. Pina Russo, ex Presidente del Soroptimist di Salerno. << Tutto questo senza ledere il diritto di difesa delle altre parti coinvolte: le altre figure professionali infatti hanno comunque la possibilità di assistere a distanza ai colloqui attraverso specchi unidirezionali. >>

Il progetto è nato nel 2011 grazie alla Federazione Italiana del Soroptimist International, la quale ha individuato una grave carenza diffusa in tutti i Tribunali della penisola di Aule per l’Ascolto Protetto di Minori.

I Club sono stati quindi chiamati a verificare, sul proprio territorio, l’esistenza di tali Aule e il loro utilizzo e, ove se ne fosse accertata la mancanza, a mobilitarsi per sollecitare la messa a disposizione di spazi adeguati,  allestendo l’aula e dotandola di tutto quanto necessario.

Ed ora finalmente locali idonei allo scopo sono stati individuati e sono stati messi a disposizione dall’Amministrazione Comunale di Salerno presso la sede dell’Assessorato alle Politiche Sociali, nelle adiacenze del Forte La Carnale: due ambienti, strutturati in maniera adeguata e visivamente comunicanti tra loro attraverso uno specchio monodirezionale, sono stati allestiti con arredi idonei ad ospitare l’ascolto dei Minori anche con il concreto contributo dell’Ordine degli Avvocati di Salerno.

Tutto ciò in piena linea con i valori fondamentali delle Soroptimiste: diritti umani, pace nel mondo e buonvolere internazionale, promozione del potenziale delle donne, volontariato e amicizia

<< Noi Soroptimiste ci impegniamo affinché le donne  godano di pari opportunità, vivano in ambienti sicuri e salubri,  abbiano accesso all’istruzione, alla leadership ed alle attività pratiche >> ha concluso Pina Russo.

Invia una Risposta

Attenzione: la moderazione dei commenti è attiva e questo può ritardare la loro pubblicazione. Non inoltrare più volte lo stesso commento.