il Quotidiano di Salerno

direttore: Aldo Bianchini

Camorra & Politica: Forza coraggio, Forza Italia. In generale una barbarie il carcere prima del processo …

 

F.to: Gaetano Amatruda – Vice coordinatore provinciale Forza Italia Salerno

SALERNO (24.01.18) – Questa mattina la notizia. Carcere per Pasquale Aliberti. La carcerazione prima di un processo la ritengo una ingiustizia, una cosa ignobile. Capisco, tutto avviene secondo diritto ed è per questo che ho una ribellione dei sentimenti, per questo auspico una risposta della politica. Nel caso di Aliberti ci sono molti aspetti che mi lasciano perplesso. Non sono un giurista ma questo non mi impedisce alcune riflessioni.  Questo non mi impedisce di chiedere alla mia comunità, a Forza Italia più coraggio. Più coraggio per combattere una battaglia di civiltà, più coraggio affinché i rapporti fra politica e magistratura siano più equilibrati. Più coraggio in queste ore, per sostenere Pasquale e per fare, attorno a Monica Paolino, una battaglia tutta politica.  Per difendere lo Stato di diritto, per non tradire la nostra storia, per essere coerenti con gli insegnamenti di Berlusconi. Per rispondere e rassicurare quelli che immaginiamo solo lo scontro. Si può e si deve fare una battaglia sulla giustizia senza scatenare la rissa con la magistratura.  Non per costruire consenso, sarà una battaglia impopolare ma per edificare civiltà. La politica recuperi il suo primato. Subito.  E si parta dalle ‘anomalie’ del caso Aliberti. Con coraggio.  Non contro le Procure, i magistrati. Per ricevere regole più garantiste, nell’interesse dei cittadini e degli stessi togati. Nessuno consideri lesa maestà il ragionamento, la voglia di avviare riflessioni.  L’inchiesta c.d. “Sarastra”, è aperta nel 2012 dalla Procura di Salerno, al centro l’ex sindaco di Scafati Pasquale Aliberti e Monica Paolino, sua moglie. Nel giugno 2016 la richiesta di arresto del pm. Non ricostituisco i gradi di giudizio, l’altalena delle decisioni, tante, che arrivano alla determinazione di oggi: carcere. Io mi chiedo…a sei anni dall’apertura dell’inchiesta. A due anni dalla richiesta del pm. Nel frattempo Aliberti si è dimesso. Io, neofita, non vedo il pericolo di fuga, la reiterazione del reto (per chi si è dimesso), non vedo l’inquinamento delle prove a distanza di anni. Non capisco e non capirò mai le obiezioni dei giudici sull’uso dei social. Pasquale è nel centro del dibattito della opinione pubblica da anni, per un’azione legittima della magistratura. Ed è altrettanto legittima la sua difesa suoi social. Un uomo ha il diritto di difendersi, di spiegare. Di dire la sua.  Io neofita mi aspettavo un processo. Io sogno un Paese civile che processa una persona e poi decide. Soprattutto se in ballo c’è la libertà del singolo. Mi auguro Forza Italia Salerno, spesso pavida, faccia una battaglia. Mi auguro si trovi il coraggio dell’azione. Qui verso alcuni si va avanti con determinazione e, ad altri, si consente di tutto. Stranezze. Non si abbia paura di dirlo, non si abbia paura di avviare una battaglia, sul garantismo, sullo Stato di diritto, per difendere le nostre libertà fondamentali.

Invia una Risposta

Attenzione: la moderazione dei commenti è attiva e questo può ritardare la loro pubblicazione. Non inoltrare più volte lo stesso commento.