il Quotidiano di Salerno

direttore: Aldo Bianchini

Dada Masilo e la sua Giselle al Ravello Festival

 

da Uff. Stampa Fondazione Ravello

Domani sera alle ore 21.30, quarto appuntamento del cartellone di danza del Ravello Festival 2018 curato da Laura Valente. Sul palco del Belvedere di Villa Rufolo l’originale Giselle di Dada Masilo.

Giselle è la quarta reinterpretazione (debutto a DansensHus – Oslo il 4 maggio 2017), a cui si dedica la coreografa sudafricana dopo avere affrontato titoli come Carmen, Swan Lake e Romeo e Giulietta, prima opera rivisitata con cui inizia nel 2008 la sua innovativa indagine.

Nella visione della Masilo il gesto del perdono, figlio del romanticismo classico, cede il passo ad una inarrestabile voglia di vendetta. Una rappresentazione che come dice lei stessa “tratta temi come l’inganno, il tradimento, la rabbia e la sofferenza” legandoli ineluttabilmente alla figura della donna contemporanea.

L’opera di Dada Masilo offre una visione assolutamente inedita del balletto classico attingendo con fierezza alle proprie radici, la giovane coreografa, investiga in profondità i singoli personaggi enfatizzandone emozioni e sensazioni vagamente accennate nella versione originale, ribaltando in tal modo i ruoli canonici e portando a differenti ed inaspettate conclusioni.

Ribaltando qualsiasi ordine tradizionale Dada Masilo va dritta verso un’altra direzione offrendo al pubblico non più la rassicurante figura di Giselle vittima insanabile della propria ingenuità, ma la sua forza e determinazione nel rivendicare giustizia attraverso la concretezza del più noto sillogismo umano “del chi fa deve pagare”. Una coreografia dove si mescolano diversi linguaggi dal contemporaneo al classico tradizionale sudafricano che tradisce anche la formazione eclettica della Masilo, partita dalla Dance Factory di Johannesburg per poi approdare a PART di Bruxelles dando vita ad uno stile proprio che abbia però sempre uno sguardo rivolto alla tradizione.

Nata a Johannesburg, in Sudafrica, Dada Masilo, giovane ballerina e coreografa, ha fatto il suo debutto al Festival Anticodes di Brest a marzo 2011 e al Festival Fragile Danse al Théâtre des Bouffes du Nord (Parigi) a novembre 2011 con il solo “the Bitter end of Rosemary”, in cui interroga Ofelia di “Amleto”, conferendo alla follia del personaggio una nuova forma espressiva, rivelando la sua estrema vulnerabilità.

In poco tempo è diventata una delle giovani ballerine/coreografe più famose in Sudafrica dove ha presentato i suoi spettacoli in vari Festival, tra questi il Festival Dance Umbrella, ha ricevuto molti premi e si dedica alla formazione di giovani danzatori. Dada Masilo è una coreografa fuori dal comune e una danzatrice straordinaria.

www.ravellofestival.com. Per info 089858422 boxoffice@ravellofestival.com

Venerdì 13 luglio

Belvedere di Villa Rufolo, ore 21.30

Dada Masilo/The Dance Factory

Giselle

Coreografia Dada Masilo

Musiche di Philip Miller*

Original Drawings Wiliam Kentridge

Esclusiva italiana

SUDAFRICA/ITALIA

Posto unico € 40

 

CAST

Giselle, Dada Masilo 

Albrecht, Xola Willie

Hilarion, Tshepo Zasekhaya

Myrtha, Regina delle Villi, Llewellyn Mnguni

Bathilde, Liyabuya Gongo

Madre di Giselle, Khaya Ndlovu

Uomini/Villi: Thami Tshabalala, Steven Mokone, Tshepo Zasekhaya, Thami Majela

Donne/Villi: Ipeleng Merafe, Khaya Ndlovu, Zandile Constable, Liyabuya Gongo, Nadine Buys

 

Crediti musica registrata

Cantanti: Ann Masina, Vusumuzi Nhlapo, Bham Maxwell Ntabeni, TumeloMoloi
Archi: Violino elettrico: Waldo Alexander, Violino/Viola: Emile de Roubaix, Violoncello: Cheryl de Havilland
Corno francese: Shannon Armer
Percussioni: Tlale Makhene, Riaan van Rensburg
Mixer: Gavan Eckhart

Su commissione di The Joyce Theater, Stephen and Cathy Weinroth Fund  for New Work; the Hopkins Center, Dartmouth College; la Biennale de la danse de Lyon 2018, Sadler’s Wells.

Ulteriore sostegno alla commissione: La Batie-Festival de Geneve.

*con il sostegno ulteriore di SAMRO FOUNDATION.

 

 

Invia una Risposta

Attenzione: la moderazione dei commenti è attiva e questo può ritardare la loro pubblicazione. Non inoltrare più volte lo stesso commento.