il Quotidiano di Salerno

direttore: Aldo Bianchini

Milleproroghe: approvato odg FdI su ripristino elezione Province. Ridare parola ai cittadini

 Iannone (FdI)
Approvato l’ordine del giorno di Fratelli d’Italia, a firma del senatore Antonio Iannone che prevede di “ripristinare l’elezione diretta dei Presidenti delle Province e dei consiglieri provinciali e consentire l’elezione diretta del sindaco e del consiglio metropolitano e rivedere la forma di governo di Province e Città metropolitana.
“Si tratta di una battaglia di Fratelli d’Italia. E’ necessario prendere atto dell’esito del referendum costituzionale del 4 dicembre, superando la legge Delrio che si è risolta soltanto in una brutta esperienza. Le Province sono previste dalla nostra Costituzione ed hanno competenze significative, che oggi, a causa della mancanza di risorse e di autorevolezza istituzionale, non possono adempiere. Bisogna ridare ai cittadini il diritto di eleggere gli amministratori della propria Provincia e consentire che questa possa tornare a svolgere le funzioni che le competono. Continuiamo nella nostra battaglia, affinchè i cittadini possano avere un livello istituzionale in grado di garantire servizi fondamentali che, ormai da quattro anni, sono assolutamente inesistenti. Penso, innanzitutto, alle strade provinciali, all’edilizia scolastica, per quanto riguarda le scuole secondarie di secondo grado, e la funzione di governo in area vasta assolutamente indispensabile per rappresentare le esigenze dei cittadini residenti nei piccoli Comuni. Si tratta di un segnale di buona volontà del governo, ma riteniamo sbagliato quanto previsto dall’articolo 1 del Milleproroghe, che il prossimo 31 ottobre farà tornare al voto, in maniera assolutamente inutile, alcune Province con il meccanismo previsto dalla legge Delrio. Occorre calendarizzare subito la legge per ridare la parola ai cittadini”, dichiara il senatore Iannone.

Invia una Risposta

Attenzione: la moderazione dei commenti è attiva e questo può ritardare la loro pubblicazione. Non inoltrare più volte lo stesso commento.