il Quotidiano di Salerno

direttore: Aldo Bianchini

FARMACIA DI MURIA: UN CONSIGLIO AL GIORNO COME COMBATTERE L’INESTETISMO DELLA CELLULITE

                                                                                                                                    

da Dr Alberto Di Muria

Padula-La cellulite è un problema estetico di grande importanza. Questo inestetismo si manifesta maggiormente sulle cosce e sui glutei. Nei soggetti affetti da cellulite pinzando con le mani la cute, oltre a provocare una sensazione di notevole dolore, questa si presenta cosparsa di avvallature che conferiscono alla pelle il caratteristico aspetto di “buccia d’arancia”. Nei casi più gravi si notano vere e proprie depressioni, pastosità profonde e facilità alle ecchimosi anche per piccoli urti. L’evoluzione finale presenta cute flaccida, capillari dilatati e micro-varici ed a questo punto il soggetto lamenta frequentemente pesantezza e tensione agli arti inferiori, piedi freddi e crampi.

I fattori predisponenti ai fenomeno cellulitico sono essenzialmente tre: genetici-razziali, ereditari, alimentari. Geneticamente, vi può essere una predisposizione legata alla morfologia del sistema venoso e linfatico e al metabolismo, predisposizione molto connessa alla familiarità. Però, i due meccanismi fondamentali che influiscono sullo stato cellulitico sono quello metabolico e quello circolatorio. Il meccanismo metabolico si può alterare attraverso una errata alimentazione, sia sul piano quantitativo sia qualitativo. Ciò incide spesso sui processi digestivo-assimilativi coinvolgendo anche il meccanismo ormonale. II meccanismo circolatorio dipende invece grandemente dall’attività fisica che se ridotta, aumenta la stasi veno linfatica e favorisce i meccanismi infiammatori.

Non esiste purtroppo un trattamento che risolva da solo l’inconveniente. La terapia migliore, è scontato dirlo, è la prevenzione: corretta alimentazione e attività fisica continuata sono essenziali. Ci sono, poi, diversi presidi cosmetici che possono essere validamente di supporto a terapie abbastanza efficaci come la ionoforesi o la mesoterapia. Di grande efficacia risulta la massoterapia, dato che il massaggio favorisce il drenaggio linfatico. In particolare le tecniche dell’endermologie e della pressoterapia sono risultate utilissime nel combattere questo inestetismo.

L’endermologie utilizza il principio del massaggio a pressione negativa. L’attrezzatura è dotata di due rulli, motorizzati, che col loro rollio impastano e massaggiano il tessuto. Tra i rulli vi è una camera di aspirazione che, applicando una aspirazione variabile, aumenta l’afflusso di sangue nella zona. Così  la pelle e lo strato sottocutaneo adiposo sono mobilitati, la circolazione del sangue viene riattivata e viene migliorato il drenaggio linfatico. L’aumento di ossigeno e di sostanze nutritive nel derma innesca l’eliminazione dei grassi e le cellule adipose cominciano a rimpicciolirsi.

Invia una Risposta

Attenzione: la moderazione dei commenti è attiva e questo può ritardare la loro pubblicazione. Non inoltrare più volte lo stesso commento.