il Quotidiano di Salerno

direttore: Aldo Bianchini

Un botto allarma gli abitanti di Torrione

Maddalena Mascolo

SALERNO – Mancavano pochi minuti alle 8.00 di questa mattina quando un tremendo botto ha attirato l’attenzione di residenti ed operatori commerciali del centro del quartiere Torrione della città.

Nessun atto terroristico, nessuno scoppio strano, semplicemente un incidente stradale sui generis avvenuto alla confluenza di Via Orofino con Via Torrione (di fronte la Farmacia Grimaldi), all’altezza del numero civico 161 proprio dove le due strade incrociandosi formano una sorta di piccola curva cieca. Sul lato destro della strada (senso di Marcia Torrione-Stazione FFSS) erano parcheggiate ben tre autovetture, probabilmente in maniera irregolare, ma le stesse in quel momento non ostacolavano alcun flusso automobilistico.

Un pullman di un’agenzia privata (poco dopo identificato attraverso il numero di targa che una automobilista che seguiva il pullman è riuscita a prendere), proveniente presumibilmente dallo svincolo di Sala Abbagnano, giunto nei pressi della curva non ha calcolato bene le distanze ed ha investito l’ultima autovettura delle tre (una Smart) scaraventandola sulle altre due fino a farle incastrare l’una sulla’altra.

Fortunatamente in quel momento a bordo delle autovetture non c’era nessuno; ma la paura per la gente è stata tantissima.

L’autista del pullman (pieno di giovani studenti) ha preferito continuare la sua corsa senza fermarsi sul luogo dell’incidente.

Sempre secondo la giovane automobilista di cui prima il pullman nell’attraversare il sottopasso ferroviario tra Via Federico della Monica e Via Orofino sarebbe addirittura salito sul marciapiedi: autista in stato di ebbrezza o visibilmente non capace di guidare ?

A questa domanda dovranno rispondere gli accertamenti della Polizia Municipale che è subito accorsa sul posto per le prime indagini del caso ed i rilievi utili alla successiva inchiesta.

Invia una Risposta

Attenzione: la moderazione dei commenti è attiva e questo può ritardare la loro pubblicazione. Non inoltrare più volte lo stesso commento.