il Quotidiano di Salerno

direttore: Aldo Bianchini

CERTOSA: Rifiuti nel cortile. La spazzatura dei visitatori a pochi passi dal monumento

La redazione

PADULA – Questa volta non è lo staff giornalistico di questo giornale online a scrivere sulle carenze della certosa di San Lorenzo di Padula, ma farlo è una giovane e promettente futura giornalista della redazione di “Ondanews.it” (direttore Antonio Colombo), il giornale più letto a sud di Salerno e non solo.

Con molto piacere, quindi, abbiamo ripreso per intero l’articolo firmato da Ornella Bonomo per pubblicarlo anche noi in versione integrale e senza commenti; lo facciamo anche, e non soltanto, per smitizzare quel luogo comune che andava prendendo piede nel Vallo di Diano e che ci indicava come la testata giornalistica che chissà per quali occulte ragioni scriveva un giorno sì e l’altro pure sulle vicende, spesso incresciose, che ruotano intorno ad uno dei monumenti più importanti del Mezzogiorno d’Italia.

di Ornella Bonomo (da Ondanews.it del 14.04.19)

PADULA – Passeggiando nel cortile della Certosa di Padula, patrimonio UNESCO, si notano cumuli di rifiuti gettati e abbandonati a terra.

L’ultimo episodio è accaduto ieri quando una scolaresca siciliana avrebbe lasciato le carte del proprio pranzo a sacco accanto al bar. Purtroppo non si tratta di un episodio isolato, come testimoniato dai commercianti, ma di consuetudine quando sono in visita numerosi gruppi di studenti. Non è soltanto questione di incuria ma di reale impossibilità di gettare i rifiuti in appositi contenitori.

All’interno del sito culturale, infatti, non vi è presenza alcuna di cestini adibiti a raccolta differenziata, pur praticata dal Comune di Padula. Fino a qualche anno fa  i commercianti con aziende nel sito certosino ricordano ben quattro cestini all’interno del cortile, oggi neanche uno.

La problematica è riscontrata in primis dalle botteghe del posto ed è stata sottoposta all’attenzione del Comune e della società che gestisce il ritiro della raccolta differenziata ma senza seguito.

Per gli esercizi commerciali è prevista la raccolta dei rifiuti una o due volte a settimana, spesso però il calendario non è rispettato, come testimoniato da alcune attività. Spesso per decoro sono proprio i commercianti ad eliminare tutte le carte abbandonate in prossimità dei loro esercizi.

Di fatto nessuno raccoglie i rifiuti che occupano i lati del cortile certosino – spiegano i commercianti – Inoltre la società che si occupa della raccolta dei rifiuti avrebbe difficoltà ad inserire dei bidoni in cui le botteghe e il bar possano depositare la spazzatura poiché bisogna individuare un sito in cui posizionarli”.

Questo è stato l’argomento di una riunione tenutasi tra quanti si occupano della gestione della Certosa di Padula ma pare non si sia arrivati ad una decisione finale.

Ad oggi non è noto il motivo per cui siano stati ritirati quei cestini, uno per la carta, l’altro per la plastica, che erano posizionati nel cortile fino a circa tre anni fa.

La loro assenza sta generando episodi di scarso decoro urbano e di mancanza di rispetto nei riguardi del patrimonio culturale.

 

Invia una Risposta

Attenzione: la moderazione dei commenti è attiva e questo può ritardare la loro pubblicazione. Non inoltrare più volte lo stesso commento.