il Quotidiano di Salerno

direttore: Aldo Bianchini

Domani riunione plenaria, l’europarlamentare Lucia Vuolo: “Daremo risposte concrete, ma l’esecutivo italiano batta un colpo”. Per l’esponente della Lega è necessario che governo e parlamento varino un piano economico condiviso e lungimirante.

da Uff. Stampa

Pesca, agricoltura, salute pubblica. E ancora fondi strutturali, politiche di coesione e fondi per lo sviluppo regionale. Infine, misure straordinaria per le compagnie aeree europee, tutte al collasso.
“Nella prossima plenaria di domani, mercoledì 25 marzo, straordinaria daremo un supporto non indifferente alla nostra Italia. Uno stravolgimento alle politiche economiche e sociali mai avvenuto prima. Avremo poi tempo di riflettere su quale sia il futuro dell’Europa, ma ora è il tempo di dare risposte. Di reagire”, spiega Lucia Vuolo, europarlamentare campana della Lega.
“In Italia si è deciso di chiudere varie aziende, ma con troppe deroghe e molti malumori. Chiudere è stata certamente una misura necessaria. Non c’è dubbio. E poi? Cosa si fa? Cosa rispondiamo ai contadini e agricoltori della Piana del Sele o del Vallo di Diano. La sola Provincia di Salerno, scrive Coldiretti, avrà bisogno almeno di 350 milioni di euro per avviare le pratiche in attesa. Pensiamo poi a tutte le altre regioni da Sud a Nord. Il coronavirus non è uno scherzo”.
Da più parte viene chiesta concretezza a partire dall’Europa. “La plenaria straordinaria del prossimo 26 marzo – commenta Lucia Vuolo – mi consentirà di dare risposte concrete per tutti gli italiani, agricoltori e non, ma è necessario che i nostri governanti italiani battano un colpo. Albergatori, agricoltori, autotrasportatori, i liberi professionisti, tutti aspettiamo un piano lungimirante, realizzabile nell’arco di un anno. Basta tentennamenti e ritardi registrati fino ad ora. Una scelta che spetta all’esecutivo, ma è necessario il confronto costruttivo con il Parlamento che sono certa saprà anche far riflettere il governo sull’inopportunità di supporto dal Meccanismo europeo di stabilità”.
A poche ore dall’ok arrivato dall’Ecofin, il Consiglio Economia e finanza dell’Unione europea, sulla sospensione del patto di stabilità, è stata la sola Germania ad annunciare 125 miliardi di euro di investimenti a debito. “Mai come in questo momento, la creatività tutta italiana e il rigore necessari restituiranno con gli interessi forze e ricchezza al nostro Paese” ha concluso l’europarlamentare della Lega.

 

 

 

Invia una Risposta

Attenzione: la moderazione dei commenti è attiva e questo può ritardare la loro pubblicazione. Non inoltrare più volte lo stesso commento.