il Quotidiano di Salerno

direttore: Aldo Bianchini

ELEZIONI 2020: “Chi non vuole votare a luglio sono le forze di opposizione, hanno paura e vogliono perdere tempo’’.Il Presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca,ha ironizzato sulla figura degli assistenti civici: ‘’Il Governo ha deciso una straordinaria operazione mistica di 60 mila volontari che possono fare moral suasion, in giro nei mercati di frutta, con il saio con sopra scritto ‘’pentiti, è colpa tua’’.

Non ci sarebbe bisogno neppure della didascalia, lo conoscono tutti, è il governatore della Campania Vincenzo De Luca in una delle sue tante filippiche dalle frequenze di Lira Tv di Salerno

Napoli, 29 maggio 2020 . Se in un territorio c’è un numero altissimo di contagiati questo territorio deve avere delle limitazioni alla mobilità. Ma ancora oggi non abbiamo da parte del Governo la definizione di un criterio. Ci auguriamo che faccia delle scelte ragionevoli con l’obiettivo di evitare il contagio. Cercheremo di tutelare fino in fondo la situazione epidemiologica della nostra regione. Continuo ad avere una grande preoccupazione perché vedo troppa gente tranquilla. “Veniamo da una settimana dove abbiamo assistito ad episodi sconcertanti sui rapporti con il Governo, siamo un paese nel quale le discussioni di merito diventano battaglie ideologiche.  Si discute della mobilità interregionale. La Campania ha sempre difeso l’unità d’Italia e lancio un messaggio di solidarietà agli amici della Lombardia, al collega Fontana per le minacce avute“. Il Governo ha deciso questa straordinaria operazione mistica. 60mila volontari possono fare la multa a chi non porta la mascherina o controllare la movida? No. Che cosa devono fare? Ci è stato risposto che possono fare moral suasion, cioè gli esercizi spirituali. Vedremo 60mila persone andare in giro con il saio con sopra scritto ‘Pentiti, è colpa tua’“. Il Presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca, nella sua diretta Facebook settimanale  ha detto di tutto ,  a proposito  della figura  degli  assistenti civici  che andrebbero a contrapporsi con la protezione civile. ‘’Si sono fermati alla scuola del niente e si occuperanno del nulla. Mi auguro non bussino alle porte di casa alle ore 15 durante la pennichella”. “Possiamo consolarci – ha detto De Luca – perché’ il governo ridà’ vita dopo 8 secoli al movimento degli spirituali, gli allievi di Umbertino da Casale e Jacopone da Todi che andranno in giro per i centri storici a portare buone novelle”.  ”Sulle elezioni regionali il governo ha avuto un atteggiamento irresponsabile. La proposta delle Regioni che vogliono votare è per l’ultima settimana di luglio perché  a settembre si torna a scuola, si aprono le classi, poi si richiudono per il voto”. “La data delle elezioni la fissano le Regioni, ma il governo ha escluso che si voti prima di settembre. Nel frattempo hanno aperto palestre, piscine, centri commerciali,ridicolo quindi impedire di votare a fine luglio”.  ”Propongono addirittura il 27 settembre 2020 con ballottaggi a metà ottobre, quando avremo l’epidemia influenzale e il probabile ritorno del covid. Per aprire le scuole servirà un lavoro enorme per il distanziamento e gli spazi. Che si fa, si apre una settimana poi si chiude di nuovo, e poi altro stop a ottobre?”. In Italia abbiamo aperto tutto: diventa francamente ridicolo impedire che si vada a votare da qui a due mesi”. Chi non vuole andare a votare non solo le forze di opposizione ? Lega, Fi, Fdi e anche M5s, ce lo ha comunicato il Ministro dell’Interno per quanto riguarda le opposizioni hanno paura di andare a votare e vogliono perdere tempo. Caso unico in Italia quello della regione Campania che da oggi verranno accreditate le pensioni al minimo raddoppiate per due mesi (230mila anziani), parte anche il contributo integrativo per quattro mesi agli stagionali del turismo e diversi sono gli incontri in questi giorni con singole categorie. “Abbiamo deciso di riaprire le attività di Wedding da metà giugno e abbiamo preso decisioni per rimodulare le ordinanze. Fino all’una di notte è prolungato l’orario dei bar, ma la vendita di alcolici per asporto fuori dai locali sarà vietata alle 22. Voglio rivolgere un saluto affettuoso ai ragazzi che escono di sera, il 90% sono bravissimi e cercano di vivere in allegria. Ma noi lavoriamo per tutelarli, come il 90% dei gestori di bar e pub che sono perbene. Il nostro problema è fare in modo che il 10% di irresponsabili non creino problemi. Vogliamo che parta la movida, con momenti di serenità, senza violenza, senza cafonerie e atti di bullismo. Ci regoleremo a seconda dell’andamento dell’epidemia e credo che consentiremo anche ai Comuni di fare richiesta per aprire pezzi di città in deroga agli orari fissati dalle ordinanze. Siamo orientati ad avere il massimo di apertura, creando economia e ricchezza ma per sempre, non per finta”. A seguito delle problematiche registrate nello scorso fine settimana e degli incontri avuti in settimana con le Camere di Commercio, è stato disposto con ordinanza n.53 del 29 maggio 2020 che  è fatto divieto di vendita con asporto di bevande alcoliche, di qualsiasi gradazione, dopo le ore 22,00 da parte di qualsiasi esercizio commerciale (ivi compresi bar, chioschi, pizzerie, ristoranti, pub, vinerie, supermercati) e con distributori automatici. Dalle ore 22,00 alle ore 6,00, è fatto divieto di consumo di bevande alcoliche, di qualsiasi gradazione, nelle aree pubbliche ed aperte al pubblico, ivi comprese le ville e i parchi comunali. Per i bar, ‘baretti’, vinerie, gelaterie, pasticcerie, chioschi ed esercizi di somministrazione ambulante di bibite, resta consentita la facoltà di apertura a partire dalle ore 5,00 ed è disposto l’obbligo di chiusura entro le ore 01:00, con obbligo di somministrazione esclusivamente al banco o ai tavoli a partire dalle ore 22,00. Inoltre  non vi sono limitazioni nell’orario di chiusura di ristoranti, pub e pizzerie. Poi aggiunge parlando delle misure adottate in Campania: “Dobbiamo aprire le attività in sicurezza per non richiudere. Evitare quindi uscite infelici, del tipo “Apriamo tutto” per fare populismo e demagogia”. Il Governatore De Luca è intervenuto anche sul Decreto Rilancio e sulla penalizzazione delle ex “Zone Rosse” campane. “Gli emendamenti servono a dare una mano ad Ariano Irpino e al Vallo di Diano e ho fatto presentare emendamenti che riguardano la Sanità, perché ogni anno la Campania nel riparto nazionale viene derubata di 300 milioni di euro. Cerchiamo di fare cose civili sui 3 miliardi e 100mila di risorse aggiuntive per recuperare almeno la metà del divario che c’è“.  Infine sulla Movida: “Un saluto affettuoso ai ragazzi e alle ragazze, se vi vendono vodka a 50 centesimi sappiate che viene distillata nelle reti fognarie delle nostre città”.”Non vi abbassate la mascherina quando parlate a 50 centimetri di distanza perché  è proprio quello il momento in cui serve. Sennò che la mettete a fare? L’altalena del numero dei contagi per me è un momento di tensione permanente. Psicologicamente abbiamo rimosso, ma chi ha responsabilità istituzionali non può dimenticare che il problema è dietro l’angolo. Le mie serate sono intossicate dalle ore 22,00, quando mi trasmettono i dati dei contagi. Aiutateci ad aiutarvi.”

Dr. Pietro  Cusati

(giurista – giornalista)

Invia una Risposta

Attenzione: la moderazione dei commenti è attiva e questo può ritardare la loro pubblicazione. Non inoltrare più volte lo stesso commento.