il Quotidiano di Salerno

direttore: Aldo Bianchini

Enrico Bastolla spiega la “sua” campagna elettorale

Da Uff. Stampa Liberi di..

 

 

Niente manifesti per non inquinare, uso moderato dei social, linguaggio sobrio e sempre rispettoso degli avversari: sono stati i capisaldi della campagna elettorale condotta
da Enrico Bastolla, candidato sindaco a Cava de’ Tirreni (Sa), sostenuto dalle liste civiche “Liberi di…” e “Cava per Cava”. «La serietà e la lealtà sono per noi il fondamento primario
del vivere civile. Ci siamo concentrati sulle persone e sulla conoscenza diretta della
nostra idea di città aperta, operosa, piena di risorse e opportunità nei vari campi sociali»

«Questo 2020 sarà ricordato per tanti avvenimenti “particolari” ed infausti, ma per certi versi anche “istruttivi” per le nostre coscienze e la nostra crescita personale. La pandemia ci ha posto di fronte ad una nuova forma di vicinanza e di gestione del nostro vivere quotidiano e, nello specifico, anche della preparazione per il tanto atteso appuntamento elettorale».
È la riflessione di Enrico Bastolla, candidato sindaco alle elezioni amministrative a Cava de’ Tirreni (Sa), sostenuto dal Movimento civico “Liberi di…” e dalla lista civica “Cava per Cava”, che traccia un bilancio della campagna elettorale, giunta ormai alle battute finali.

 

«Con il Comitato “Liberi di…”, costituitosi qualche anno fa, ci siamo subito interrogati su come avremmo dovuto condurre una campagna elettorale onesta e leale nei confronti degli avversari politici, chiedendoci cosa avremmo potuto fare seriamente per la nostra città ed i nostri concittadini.


Ebbene
- spiega Enrico Bastolla - prima di tutto abbiamo lavorato duramente per elaborare un programma dettato da un’idea di città aperta, operosa, piena di risorse e opportunità nei vari campi sociali. Il nostro tempo libero è stato dedicato in toto a proposte concrete e fattibili, da presentare anche ai candidati che hanno sposato in pieno il nostro progetto. Ed a tale proposito, ringrazio di cuore per la disponibilità e la comprensione tutti i “nostri” candidati, che abbiamo seguito personalmente, cercando sempre di soddisfare le loro esigenze e sforzandoci di far comprendere – soprattutto ai “neofiti” – cosa significhi mettersi al servizio degli altri senza aver nulla a pretendere.


Siamo partiti con l’idea, anche sulla scorta delle precedenti campagne elettorali, di prestare particolare attenzione all’ambiente. Volutamente, quindi, non abbiamo prodotto manifesti né per il candidato sindaco né per i singoli candidati. I primi ed unici esposti in città sono stati realizzati all’inizio solo per ufficializzare la nostra discesa in campo, poi abbiamo deciso di non contribuire ulteriormente all’inquinamento del nostro territorio, già troppo martoriato in tal senso. Ci siamo concentrati sulle persone e sulla conoscenza diretta del nostro programma tramite brochure, che possono essere conservate sia per un confronto che per un’auspicabile condivisione.

Grande attenzione - continua il candidato sindaco sostenuto dalle liste civiche “Liberi di…” e “Cava per Cava” - è stata dedicata anche ad un uso “moderato” dei social, caratterizzato soprattutto dalla divulgazione dei punti salienti del programma, dalla promozione degli incontri con i cittadini e dalla produzione di video ad hoc sulle problematiche della città e sul da farsi per garantire quell’ordinario che tanto agogniamo come “semplici” cittadini.


L’utilizzo di un linguaggio sobrio e sempre rispettoso, soprattutto degli altri candidati, è stata fin dal principio una priorità inderogabile per tutto il Comitato “Liberi di…”, anche per offrire un paradigma di comportamento a tutti i nostri potenziali futuri consiglieri comunali. La serietà e la lealtà come fondamento primario di un vivere civile e degno dell’essere umano.


Non possiamo nascondere di aver dovuto affrontare tante difficoltà, ma il confronto e l’accettazione dei propri limiti ci ha permesso di fare sempre del nostro meglio, raddrizzando anche il timone quando necessario e mettendo sempre in primo piano le persone, prima ancora delle idee politiche.


Qualunque sarà il risultato della competizione elettorale, noi continueremo ad essere promotori di programmazione, competenze e sinergie con chi vorrà proseguire con noi un cammino di opportunità e studio approfondito del territorio.


Buon voto a tutti i cavesi
- conclude il candidato sindaco Enrico Bastollacon l’auspicio che chiunque sarà chiamato a governare per i prossimi anni la nostra amata Cava de’ Tirreni sia in grado di proporre una “Città Aperta” alle competenze ed alla meritocrazia, alla programmazione ed alle sinergie, ai cittadini “attivi” ed a quelli in difficoltà».

Invia una Risposta

Attenzione: la moderazione dei commenti è attiva e questo può ritardare la loro pubblicazione. Non inoltrare più volte lo stesso commento.