il Quotidiano di Salerno

direttore: Aldo Bianchini

Elezioni Salerno 2021: Basso, Sarno e Napoli, ecco i primi candidati a sindaco !!

Aldo Bianchini

Il municipio di Salerno (palazzo Guerra)

SALERNO – Mancano ormai sette mesi, poco meno – poco più, per il rinnovo dell’amministrazione comunale di Salerno dopo i sei anni e mezzo di sindacato di Enzo Napoli (architetto), già sindaco fante funzioni per il periodo di decadenza di De Luca dal 3 febbraio 2015 al 14 giugno 2016 e poi sindaco eletto.

La tornata elettorale del 2021 si annuncia densa di significato e molto difficile per tutti in quanto Vincenzo De Luca, dopo un breve periodo di appannamento, è ritornato pienamente nell’esercizio del suo ruolo di capo supremo del “sistema politico e di potere deluchiano”. Le elezioni regionali del 21-22 settembre 2020 hanno di fatto riconsegnato a De Luca un potere immenso e presente soprattutto in ogni angolo della provincia di Salerno.

Le eventuali candidature a sindaco dipenderanno moltissimo dalla volontà di De Luca di scegliere come e da chi far amministrare la “sua città” per i prossimi cinque anni tenendola direttamente sotto stretto controllo perché Salerno e la sua città ed è il forziere dei suoi voti che hanno contato, contano e conteranno nelle sedi ufficiali del partito e della politica in generale.

Un dubbio, ovviamente, assilla da tempo anche il governatore capace di tutto e di più; il dubbio riguarda proprio la persona a cui affidare la città; probabilmente è tentato, soprattutto dopo il trionfo alle regionali, di rilanciare sul campo suo figlio Roberto (da qualche giorno divenuto papà della splendida Rosa … auguri !!) dopo le note, ma passate, disavventure di carattere giudiziario. E’ indeciso De Luca, molto indeciso, ma sa anche che se non lo lancia in questa occasione non potrà farlo mai più.

 

Nelle more della difficile decisione c’è già qualcuno che si fa avanti, senza disturbare troppo il manovratore, nell’ambito del centro sinistra che storicamente dovrebbe appoggiare le scelte deluchiane; ma anche nel centro destra e nelle civiche c’è qualcosa, o più di qualcosa, che si muove.

Michele Sarno (avvocato penalista)

In ordine di tempo il primo ad essersi fatto avanti è l’immarcescibile Michele Sarno (avvocato e già presidente della Camera Penale di Salerno) che ha lanciato la sua candidatura all’insegna dello slogan “riuscirò a compattare tutto il centro destra salernitano”. Conosco bene la carica esplosiva che caratterizza ogni azione politica di Michele Sarno; deve, però, stare molto attento perché il centro destra salernitano è un terreno paludoso fino al punto che, pur essendo da sempre la maggioranza elettorale della città, non ha mai conquistato il Comune.

 

Vincenzo Napoli (architetto - sindaco uscente)

Il secondo candidato è il sindaco in carica Vincenzo Napoli; con l’umiltà che caratterizza da sempre la sua espressione caratteriale pubblica ha sommessamente dichiarato di offrire la sua disponibilità a ricandidarsi a sindaco di Salerno, sempre che la sua candidatura rappresenti l’unità dello schieramento deluchiano. Personalmente credo che, dopo 1.980 giorni di sindacato, Enzo Napoli abbia tutte le carte in regola per un nuovo mandato. Del resto il centro sinistra, anche se turbinoso, sa essere alla fine molto compatto. Il sindaco in carica non fa proclami, attende disciplinatamente le decisioni.

 

Maurizio Basso (broker e amministratore unico della Società Immobiliare Re-Lions)

Terzo candidato in ordine di tempo, ma non ultimo, è il liberal Maurizio Basso, vera assoluta new entry, che è uscito per primo allo scoperto inondando la città con una campagna fondata, al momento, prevalentemente su manifesti 120 x 80 che ritraggono il candidato (Broker e amministratore unico della società immobiliare Re Lions) che ha dato vita a “Movimentiamoci insieme – Basso sindaco”. Vedremo nei prossimi mesi come Basso si proporrà alla città e come il suo movimento riuscirà, se riuscirà, ad entrare nell’immaginario collettivo di un corpo elettorale non tanto abituato alle irruzioni dell’ultima ora.

 

Invia una Risposta

Attenzione: la moderazione dei commenti è attiva e questo può ritardare la loro pubblicazione. Non inoltrare più volte lo stesso commento.