il Quotidiano di Salerno

direttore: Aldo Bianchini

ORDINANZA N. 90 ,del 15 novembre 2020 ,del Presidente della Regione Campania : Disposizioni concernenti l’attività scolastica a distanza, trasporto pubblico locale.

 

Dr. Pietro Cusati

(Giurista – Giornalista)

Napoli,16 novembre 2020. Il Presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca ,ha emesso l’ordinanza n.90 ,del 15 novembre 2020,relativa all’attività scolastica a distanza e al trasporto pubblico locale. Dal 16 novembre 2020 e fino al 23 novembre 2020, restano sospese le attività educative in presenza dei servizi educativi e della Scuola dell’infanzia, sistema integrato di educazione e di istruzione 0-6 anni, nonché l’attività didattica in presenza delle prime classi della scuola primaria. In vista della ripresa di tali attività a far data dal 24 novembre 2020, è dato mandato alle AA.SS.LL., territorialmente competenti di assicurare, dal 16 novembre 2020, l’effettuazione di screening, attraverso somministrazione di tamponi antigenici, su base volontaria, al personale, docente e non docente delle classi interessate, nonché agli alunni e relativi familiari conviventi. Dal 16 novembre 2020 e fino al 29 novembre 2020,  restano sospese le attività didattiche in presenza delle classi della scuola primaria diverse dalle prime, nonché quelle delle prime classi della scuola secondaria di primo grado e le attività dei laboratori. Le AA.SS.LL. territorialmente competenti, con il supporto dell’Istituto Zooprofilattico Sperimentale del Mezzogiorno, organizzano, a partire dal 24 novembre 2020, screening, attraverso somministrazione di tamponi antigenici, su base volontaria, al personale docente e non docente,agli alunni interessati e relativi familiari conviventi, in vista della ripresa delle attività in presenza a far data dal 30 novembre 2020, compatibilmente con il quadro epidemiologico rilevato sul territorio. Con decorrenza immediata restano comunque consentite in presenza le attività destinate agli alunni con bisogni educativi speciali e/o con disabilità. Resta confermato l’obbligo per tutte le aziende di trasporto pubblico locale di modulare l’erogazione dei servizi minimi essenziali in modo da evitare il sovraffollamento dei mezzi di trasporto nelle fasce orarie della giornata in cui si registra la maggiore presenza di utenti, comunicando i servizi così modulati alla Direzione Generale Mobilità della Regione Campania, nonché all’Ente titolare del contratto di servizio.  E’ fatto obbligo alle Aziende di trasporto di dare la massima diffusione alla nuova programmazione dei servizi essenziali a tutti gli utenti sui propri siti aziendali, alle fermate, alle stazioni e su ogni altro mezzo di comunicazione alle stesse in uso.  Agli esercenti le attività consentite sul territorio regionale, è fatto obbligo, altresì, di rispetto dei protocolli di sicurezza vigenti alla data di entrata in vigore del  provvedimento. Salvo che il fatto costituisca reato diverso da quello di cui all’articolo 650 del codice penale, le violazioni delle disposizioni sono punite con il pagamento, a titolo di sanzione amministrativa. Nei casi in cui la violazione sia commessa nell’esercizio di un’attività’ di impresa, si applica  la sanzione amministrativa accessoria della chiusura dell’esercizio o dell’attività’ da 5 a 30 giorni. Le sanzioni per le violazioni delle misure disposte da autorità’ statali sono irrogate dal Prefetto. Le sanzioni per le violazioni delle misure disposte da autorità’ regionali e locali sono irrogate dalle autorità’ che le hanno disposte. In pratica sono sospese tutte le attività in presenza fino al 23 novembre2020 . Dal 24 novembre 2020  riapriranno solo gli asili infantili e  le prime classi delle primarie, mentre alle medie, alle superiori e all’università, salvo il primo anno, anche dopo il 23 novembre 2020, le lezioni potranno proseguire esclusivamente a distanza, infatti,l’Unità di crisi regionale all’unanimità ha ritenuto di dover confermare la didattica a distanza. In serata il Presidente  De Luca è stato ospite della trasmissione Che tempo che fa di Fabio Fazio per parlare di Covid.”In zona rossa dopo le immagini intollerabili del Lungomare  di Napoli della scorsa settimana. Nel giro di 72 ore siamo passati da zona gialla a zona rossa. Al ministero o non avevano letto i dati o davanti allo sciacallaggio politico hanno fatto questa scelta”. “Per quanto riguarda la Campania, noi stiamo combattendo a mani nude e stiamo facendo un miracolo. Abbiamo il 50% di posti letto libero e il tasso di morti Covid più basso d’Italia. A me è capitato di sentire in questa settimana gente che ha sottovalutato il Covid e che ora è diventata “rigorista” . “Quando io ho chiuso un mese fa le scuole mi hanno messo in croce ora stanno facendo le cose che facevo io un mese fa. Una scelta politica, c’erano delle illusioni, si immaginava che il contagio non esplodesse, c’era un retroterra di sottovalutazione, ci si era illusi che si potesse controllare la situazione”. Il Presidente De Luca cita un suo cavallo di battaglia, quello della tagliente poesia di Trilussa “La lumachella della vanagloria” («La lumachella de la Vanagloria /  ch’era strisciata sopra un obelisco / guardò la bava e disse: Già capisco che lascerò un’impronta ne la Storia».)

1 Commento

  1. La lumachella de la Vanagloria
    ch’era strisciata sopra un obelisco,
    guardò la bava e disse: Già capisco
    che lascerò un’impronta ne la Storia.
    (Poesia di Trilussa)

Invia una Risposta

Attenzione: la moderazione dei commenti è attiva e questo può ritardare la loro pubblicazione. Non inoltrare più volte lo stesso commento.