il Quotidiano di Salerno

direttore: Aldo Bianchini

Crespi “Con il festival del Cinema di Salerno perché la cultura non si deve fermare” Il giornalista Gaetano Amatruda “Deve rinascere la speranza”

 

 

La redazione

 

Il registaAmbrogio Crespi con il giornalista salernitano Gaetano Amatruda

“È con immenso piacere che parteciperò al festival internazionale del Cinema di Salerno. Il momento particolare che vive il Paese ci induce ad essere più carichi. Il mondo della cultura non deve fermarsi”. Così il regista Ambrogio Crespi che sarà nella giuria d’onore per la 74esima edizione del Festival Internazionale del Cinema di Salerno che si terrà, in diretta Fb dalla fanpage della kermesse (https://www.facebook.com/festivaldelcinema/?epa=SEARCH_BOX), dal 7 al 12 dicembre.

“Gli organizzatori bene hanno fatto a rilanciare – dice Crespi che ha recentemente mandato nelle sale la pellicola sul Covid ‘A Viso Aperto’ – ed a non fermarsi. Il cinema è volano fondamentale per tutte le sfide della società, è impegno per la legalità, è sostegno e gratitudine verso gli operatori sanitari, è speranza per il futuro. È sogno”.

Nato nel 1946 dal geniale guizzo di CINE CLUB SALERNO, associazione di cultura cinematografica, il festival è uno dei più longevi d’Italia ed è secondo solamente alla Mostra Internazionale del Cinema di Venezia, oggi è patrocinato dalla Regione Campania e dal Comune di Salerno.

“Sono certo che da Salerno arriveranno – conclude Crespi – segnali importanti, di riflessioni e speranza per il futuro. Ci sono e per questo ringrazio Paola De Cesare, Direttrice Artistica del festival e tutto il suo staff”.

In giuria ci sarà anche il giornalista Gaetano Amatruda che lo scorso anno ha partecipato, con Crespi, con la pellicola ‘Terra Mia’. “Per me è come un sogno, ero bambino ed ero affascinato da questa iniziativa. Una delle più prestigiose mai immaginate a Salerno. Sono certo arriverà un messaggio di speranza”

 

Invia una Risposta

Attenzione: la moderazione dei commenti è attiva e questo può ritardare la loro pubblicazione. Non inoltrare più volte lo stesso commento.