il Quotidiano di Salerno

direttore: Aldo Bianchini

TAGLIATELLE AL PESTO DI SCAROLA CON PINOLI PEPERONE CRUSCO e CANESTRATO DI MOLITERNO

da Maria Giovanna Santucci

 

 

 

 

 

La coltivazione della scarola, ebbe origine dopo il 1600, nei Paesi del Mediterraneo.

Oggi essa è molto diffusa nel nostro territorio e viene molto utilizzata in cucina poiché è una verdura assai gustosa.

Vari sono i modi di cucinarla: stufata e passata in padella con uvetta, pinoli, acciughe, capperi e olive.

Un’alternativa potrebbe essere il classico calzone là forno ripieno di scarola..!

E’ ottima  anche da gustare con i fagioli, accompagnata da fette di pane tostato.

Contiene pochissimi grassi : è ricca di acqua, fibre e di vitamine: A, C e K.

Nel piatto che presento oggi, abbiniamo alla scarola, il peperone crusco, “l’oro rosso” della Basilicata, inconfondibile per la sua croccantezza.

Il peperone per renderlo crusco lo si fa friggere per pochi secondi in olio extravergine di oliva, badando bene di non bruciarlo. Appena fritto,  lo si mette in freezer così , lo shock termico che si viene a creare, arreca la giusta croccantezza al peperone stesso…!

 

INGREDIENTI:

 

1 scarola

capperi sotto sale

olive nere

pinoli

3 peperoni cruschi (fritti)

1 peperoncino piccante

canestrato di Moliterno

1 spicchio d’aglio

olio evo

sale

 

Procedimento:

Lavate e sbollentate in acqua salata la scarola giusto per qualche minuto, poi frullatela con un goccio d’olio .

Soffriggete aglio e peperoncino , aggiungete la scarola frullata, i capperi , le olive tagliate sottili ed il sale .

Nel mentre mettete a cuocere la pasta, scolatela al dente e saltatela in padella con l’aggiunta di qualche mestolo di acqua di cottura.

Impiattate e cospargete la tagliatella con pinoli tostati e peperone crusco sbriciolato, tocco finale una manciata di canestrato di Moliterno ed il piatto è servito!!

 

Invia una Risposta

Attenzione: la moderazione dei commenti è attiva e questo può ritardare la loro pubblicazione. Non inoltrare più volte lo stesso commento.