il Quotidiano di Salerno

direttore: Aldo Bianchini

CASTIELLO e la passione per l’arte di De Matteis … nel fascino del barocco

 

Aldo Bianchini

Il sen. Castiello illustra un capolavoro esposto a Sapri

SALERNO – Avreste mai pensato che un politico, che un senatore della Repubblica al suo secondo mandato, che un esponente di spicco del Movimento 5 Stelle, potesse essere anche un appassionato ed esperto di arte ?

Assolutamente no, anche perché trattandosi di un parlamentare pentastellato riesce difficile immaginarlo nelle vesti di critico d’arte, anche perché i seguaci di Grillo promanano con durezza un’immagine molto diversa e lontana da quella aulica che accompagna da sempre gli artisti e gli appassionati di arte.

I visitatori della mostra

Ebbene il sen. avv. Francesco Castiello, profondo conoscitore delle tematiche finanziario-bancarie e non soltanto per essere stato presidente della Banca di Vallo della Lucania, con la sua passione e conoscenza dell’arte esattamente l’opposto di quella immagine riuscendo a tuffarsi nel difficilissimo mondo dell’arte pittorica (e non solo !!) a partire da Paolo De Matteis (pittore nato nel piccolo borgo di Piano Vetrale di Orria,  allievo prediletto di Luca Giordano, divenuto famoso in tutto il mondo; le sue opere sono esposte nei musei più importanti dal Prado di Madrid, al Louvre di Parigi, alla National Gallery di Melbourne, ai discepoli di Paolo De Matteis, tra cui possiamo ammirare la splendida «Madonna in lacrime» di Antonio Sarnelli), un personaggio che si impose tra i maggiori pittori del Regno di Napoli, che Castiello ha studiato nel profondo ed ha scandagliato nella vita e nell’arte, fino al punto di essere diventato uno dei maggiori conoscitori (e collezionista) dell’affascinante periodo di produzione artistica a cavallo tra il 17° e 18° secolo dopo Cristo, tra il Rococò e l’Arcadia, che vide protagonisti lo stesso Paolo De Matteis in buona compagnia con Pietro Polo Rubens, Pietro da Cortona e Luca Giordano.

Tutto questo il senatore Castiello lo ha fatto suo già da parecchi anni e riesce a propagandarlo presso il grande pubblico attraverso la Fondazione Grande Lucania Onlus che presiede da anni; l’evento saprese a cui ci riferiamo è stato realizzato in collaborazione con la nota Banca 2021, il Ministero della Cultura e il Comune di Sapri. Ed è giusto anche annotare, con soddisfazione, l’impegno profuso dalla Banca 2021 soprattutto da quando la stessa è stata stimolata nel campo dell’arte (che solitamente non appartiene all’economia ed alla finanza) dall’arrivo del suo nuovo direttore generale nella figura del dr. Cosimo Puglia.

Un evento, nella Casa del Buon Pastore a Sapri che sarà visitabile fino all’ 8 gennaio 2023, dal suggestivo titolo “L’infinito fascino del Barocco” con un percorso espositivo di ben 70 capolavori (60 dipinti e 10 statue) che senza bisogno di parole spiegano, solo a guardarli, la grandezza e l’evoluzione dell’arte barocca.

Uno stupendo viaggio nel barocco, creato e voluto tenacemente dal sen. avv. Francesco Castiello, che il parlamentare riesce a portare in giro per tutto il Cilento e non solo; per restituire a quell’importante territorio tutta la cultura che da secoli gli appartiene.

Come dire, quando la politica si avvicina all’arte, o meglio quando l’arte conquista la politica è sempre e comunque un fatto molto positivo.

 

 

Invia una Risposta

Attenzione: la moderazione dei commenti è attiva e questo può ritardare la loro pubblicazione. Non inoltrare più volte lo stesso commento.