il Quotidiano di Salerno

direttore: Aldo Bianchini

La paura dela firma, abrogare il reato di abuso d’ufficio,articolo 323del codice penale, il 96 per cento dei procedimenti finisce con l’archiviazione degli indagati.

da Pietro Cusati ( Giurista- Giornalista)

 

 

 

 

 

 

 

 

La paura della firma,  la paura di assumersi responsabilità,  è uno dei punti principali della riforma del Ministro della Giustizia Carlo  Nordio,la cancellazione dell’articolo 323 del codice penale. La  cancellazione del reato di abuso d’ufficio ,articolo 323 del codice penale,era  stata approvata dal Consiglio dei ministri a giugno 2023. La commissione Giustizia del Senato ora ha concluso l’esame degli emendamenti all’articolo 1 del  disegno di legge proposto dal ministro della Giustizia Carlo Nordio.  Il ddl prevede diverse modifiche al codice penale, al codice di procedura penale, all’ordinamento giudiziario e al codice dell’ordinamento militare. L’articolo 1 contiene anche la cancellazione del reato di abuso d’ufficio ,articolo 323 del codice penale, cioè quello di chi commette illeciti nell’esercizio delle proprie funzioni di pubblico ufficiale, e che riguarda funzionari pubblici ,sindaci e amministratori locali,  spinge spesso a evitare di assumersi responsabilità decisionali  per paura di incorrere in procedimenti penali, il timore di commettere abuso d’ufficio. Il pubblico ufficiale o l’incaricato di pubblico servizio che, in violazione di specifiche regole di condotta espressamente previste dalle legge o da atti aventi forza di legge e dalle quali non residuino margini di discrezionalità, ovvero omettendo di tenersi in presenza di un interesse proprio o di un prossimo congiunto o negli altri casi prescritti, intenzionalmente procura a sé o ad altri un ingiusto vantaggio patrimoniale ovvero arreca ad altri un danno ingiusto, è punito con la reclusione da uno a quattro anni. Il 96 per cento dei procedimenti per il reato di abuso dufficio  finisce con l’archiviazione degli indagati.

Invia una Risposta

Attenzione: la moderazione dei commenti è attiva e questo può ritardare la loro pubblicazione. Non inoltrare più volte lo stesso commento.