il Quotidiano di Salerno

direttore: Aldo Bianchini

Chiesa: pedofilia e pederastia, fenomeni inquietanti !!

Anna Augusto

L’interesse dei media,sul fenomeno della pedofilia e pederastia, all’interno della chiesa cattolica, prende il via a Boston, negli Stati Uniti, nel 2002, ad opera del quotidiano “The Boston Globe”. Il giornale iniziò a pubblicare resoconti di denunce e insabbiamenti. In poco tempo furono sotto accusa 89 sacerdoti, che in maggior parte furono rimossi. Fu tirato in causa anche il cardinale Bernard Francis Law, allora arcivescovo di Boston, accusato di aver permesso che i preti accusati, continuassero ad esercitare nelle parrocchie. Dovette rassegnare le dimissioni nelle mani di Giovanni Paolo II. Tra il 2009/2010, il fenomeno ha interessato anche l’Europa, con Austria, Spagna, Germania, Italia, Irlanda, Belgio. Il caso più eclatante le inchieste governative in Irlanda. Il Papa intervenne con una lettera che provocò le dimissioni del vescovo John Magee e monsignor James Moriarty. In Germania il Vaticano fu accusato di aver ostacolato le indagini dei magistrati sul collegio gesuita ”Canisius” di Berlino, e degli abusi sessuali avvenuti nell’ambiente del coro della cattedrale di Batislava. Dove si ipotizzò anche il coinvolgimento del fratello del Papa. In molti discorsi rivolti alla Curia Romana,ai vescovi, ai giornalisti e alle autorità dai paesi da lui visitati, il Papa ha rinnovato la sua vicinanza alle vittime, e ha condannato  quei Sacerdoti che stravolgono i Sacramenti. Ha affermato di provare una profonda vergogna e che avrebbe fatto di tutto affinchè gli abusi non si fossero ripetuti. Ma purtroppo così non è stato e la cronaca ci riporta sempre nuovi casi. Due associazioni di vittime di abusi da parte di ecclesiastici, il CENTER FOR COSTITUICE RIGH e la SNAP (SURVIVORS NETWORK OF ABUSE BY PRIEST), hanno depositato un dossier di 80 pagine, alla Corte dell’Aia. Accusano il Papa di crimini contro l’umanità.

Il ricorso è motivato dal fatto che nonostante le azioni legali e le condanne, gli abusi sono continuati. Sono citati i nomi del segretario di Stato, Tarciso Bertone, di Angelo Sodano e di William Levada, prefetto della Congregazione della dottrina della fede. Sono tutti accusati di aver insabbiato i casi di pedofilia,di aver attuato il PRIEST SHIFTING, cioè il trasferimento dei religiosi in altre sedi, dove venivano in contatto con altri bambini, e, quindi, di aver protetto i colpevoli. Il procuratore generale Ocampo dovrà decidere se accettare il ricorso. Tutti questi avvenimenti ci pongono dei quesiti. Ma di chi possiamo fidarci? E’ possibile che i bambini vengano violati da persone di cui si fidano? Troppe le notizie su abusi sui minori da parte dei preti, dei parenti, amici… Eppure i nostri genitori ci mandavano così volentieri all’oratorio, in parrocchia, per loro era l’oasi sicura. Ci meravigliamo tanto che i nostri bambini guardano molta tv, giocano con i video giochi …. purtroppo la verità è che ci spaventiamo molto a mandarli fuori di casa.

 

Invia una Risposta

Attenzione: la moderazione dei commenti è attiva e questo può ritardare la loro pubblicazione. Non inoltrare più volte lo stesso commento.