il Quotidiano di Salerno

direttore: Aldo Bianchini

Scafati: dal PdL lezione di antipolitica

In termini squisitamente politici la festa regionale del PdL è stata una frana. Asente la Carfagna, come sempre.

Aldo Bianchini

Scafati – Sullo stesso palco si è passati, nel giro di due anni, da una piccola incomprensione ad una frattura insanabile, almeno per il momento. Parlo dei rapporti di natura personale e politica tra i due big del centro-destra salernitano, Mara Carfagna e Edmondo Cirielli. La prima ministro per le pari opportunità, il secondo presidente della Commissione Difesa della Camera e presidente della Provincia di Salerno. Incredibile ma vero, l’uno contro l’altra armati, e viceversa. Poteva e doveva essere la grande e storica alleanza in grado di abbattere il potere ultraventennale del mediatico De Luca e ridare alla città di Salerno la meritata ventata di libertà. E’ accaduto, invece, il contrario. Tra Cirielli e Carfagna si sono inseriti personaggi di mezza tacca, ma anche interessi politici, personali e di visibilità che hanno distrutto un’accoppiata sicuramente vincente. E i risultati non sono tardati a venire. Dove c’è lei non c’è lui (e viceversa!!), così titolavo uno dei miei ultimi scritti, e la realtà supera anche la fantasia più bizzarra. Se al Comune di Salerno ci va la Carfagna certamente non va Cirielli, se alla Badia di Cava è presente la  ministra è sicuramente assente il presidente della provincia, se alla festa regionale del PdL di Scafati c’è Cirielli, ovviamente non si presenta la Carfagna. E con loro non si presentano tutti gli uomini e le donne del loro seguito, molto più corposo quello di Cirielli. Perché? Perché la Carfagna sbagliava all’inizio e continua a sbagliare oggi. Insomma alla massa degli elettori la ministra appare come “un ministro romano” e non certamente salernitano. Da sempre la Carfagna ha prima illuso i suoi seguaci e poi puntualmente li ha delusi, fino alla sceneggiata della segreteria salernitana di Corso Vittorio Emanuele, aperta in pompa magna e, credo, chiusa qualche mese dopo. Se, poi, soltanto materialmente non è chiusa è come se lo fosse sul piano squisitamente politico ed operativo. Io so di essere vincolato al vecchio metodo della politica e, quindi, non ci penso neppure a dare consigli pur avendone l’età giusta e, forse, anche l’esperienza. Dico soltanto che quando i ministri erano ministri con gli attributi e la politica si faceva in un altro modo, gli stessi ministri curavano il loro territorio in maniera maniacale; quelli che ricordo di più sono bernardo D’Arezzo (ministro del turismo) e Carmelo Conte (ministro per le aree urbane); già con Alfonso Pecoraro Scanio le cose sono cominciata a cambiare, ma tutti sanno che la famiglia di Alfonso vive a Napoli e che ciò nonostante pensò bene di puntellare la Provincia inserendo il fratello Marco come assessore. Con la Carfagna, la cui famiglia vive e opera a Salerno, è cascato il mondo, totalmente. Ricordo le passeggiate domenicali del ministro Conte per il Corso e l’efficientismo della sua segreteria in via Manzo. La sera che prestò giuramento a Roma, come ministro nel governo Andreotti, dopo un paio di ore era già a Salerno acclamato dai suoi fan’s e con una segreteria già perfettamente operativa. Mara Carfagna ci ha messo all’incirca sei mesi prima di venire a Salerno, nella sua città, per fare visita alla sua famiglia e per farsi vedere lungo la mitica passeggiata del corso. Tutta qui la differenza, ed è tutta qui la differenza a sfavore della Carfagna, ovviamente.

1 Commento

  1. Non capisco perchè girarci intorno o fare il panegirico di personaggi del passato, basta dire la verità: sono persone non all’altezza del ruolo che ricoprono, senza nemmeno indagare sul come lo ricoprono. Un giornalista al di fuori delle parti dovrebbe avere il coraggio di farlo.

Invia una Risposta

Attenzione: la moderazione dei commenti è attiva e questo può ritardare la loro pubblicazione. Non inoltrare più volte lo stesso commento.