il Quotidiano di Salerno

direttore: Aldo Bianchini

Pontecagnano: 102 anni portati bene

Gli auguri del sindaco Ernesto Sica per i 102 anni della signora Giuseppina Avella

Annalisa Corinaldesi

Pontecagnano – Nella mattina di oggi il Sindaco Ernesto Sica si è recato a rendere omaggio alla signora Giuseppina Avella per i suoi 102 anni, presso la sua abitazione di Pontecagnano Faiano. Classe 1909, instancabile lavoratrice, la signora Giuseppina, che anche lo scorso anno era stata festeggiata dall’Amministrazione, era circondata dall’affetto dei figli e dei tanti nipoti e pronipoti. Il Primo Cittadino, per l’occasione, ha consegnato alla dinamica nonna un gradito omaggio, formulando gli auguri più fervidi a nome dell’Amministrazione e di tutta la cittadinanza.

 

NOTE: Tutta la redazione de ilquotidianodisalerno.it si unisce al sindaco di Pontecagnano per gli auguri fervidissimi alla signora-nonna Giuseppina pere i suoi 102 anni portati anche bene, così recitano le cronache metropolitane. Il raggiungimento del centesimo anno di età costituisce, già di per se, un fatto rarissimo; superare questo limite che sembra invalicabile assume veramente le sembianze di una cosa eccezionale. Dal 1909 ad oggi nonna Giuseppina ne ha visto di tutti i colori: la prima e la seconda guerra mondiale, l’epopea del fascismo, la caduta definitiva del regno d’Italia, i primi vagiti della repubblica, il grande boom economico degli anni ’60, il fenomeno terroristico degli anni 70, l’affermazione dell’Italia in sede mondiale negli anni ’80, la rivoluzione giudiziaria di tangentopoli negli anni ’90, la decadenza economico-culturale degli anni 2000 fino alla grande crisi economica mondiale di questo inizio di decennio. Insomma Giuseppina Avella ha assommato in se guerre, rivoluzioni, dittature, regni, repubbliche, boom economici, decadenze, brigatismo rosso e nero, socialismo e comunismo, epoche totalmente diverse tra loro, passaggi epocali dal punto di vista tecnologico. Per finire con la conquista della Luna che nei mitici anni 20, quelli della giovinezza di nonna Pina, era patrimonio esclusivo degli innamorati. Quante altre epoche vivrà Giuseppina, ne parleremo fra 98 primavere quando per Lei sarà allestita la più grande festa di tutti i tempi.

1 Commento

Invia una Risposta

Attenzione: la moderazione dei commenti è attiva e questo può ritardare la loro pubblicazione. Non inoltrare più volte lo stesso commento.