il Quotidiano di Salerno

direttore: Aldo Bianchini

Caritas: dossier della povertà

Da don Marco Russo

SALERNO – Sabato 17 dicembre alle ore 10.30 presso il salone della Caritas Diocesana, in via Bastioni,4 Salerno presentazione del Dossier Statistico Povertà e Risorse da parte del direttore della Caritas Diocesana don Marco Russo. Nell’introduzione che don Marco Russo farà al documento si potrà leggere: “Lasciarci trasportare solo dai numeri, dal sensazionale che essi portano in sé, senza vedere in ognuno uno squarcio nella vita vissuta perché sempre di corsa e bruciata nell’affermarsi, non rende il giusto. Il dossier vuol far sì trasparire il bisogno e l’enorme presenza di poveri, ma ha, soprattutto, l’obiettivo di porci l’uno di fronte all’altro: scoprire che ogni povero è uomo o donna, che ha necessità di relazionarsi con un tu, che desidera dare un senso al suo vivere quotidiano tra tanta indifferenza e individualismo”. Seguiranno gli interventi della Dott.ssa Marialuisa Troccoli, responsabile Osservatorio delle Povertà e delle Risorse della  Caritas Diocesana e del Dott. Claudio Marra dipartimento di Scienze Politiche, Sociali e della Comunicazione Università degli Studi di Salerno.  Il dossier, che ha cadenza annuale,  ci racconta con sistematicità una miriade di bisogni frutto d’ingiustizia, dell’assenza di regole chiare e dallo sfrenato bisogno di avere più che di essere. I dati ci raccontano di una povertà trasversale, di una povertà economica, relazionale, di senso, di speranza e di amore. I dati ci raccontano di un’assenza di giustizia redistributiva, dove chi ha, vuole avere di più, e chi non ha molto, riceve e raccoglie sempre di meno.  Un popolo di 30.000 persone, che sono italiani e stranieri.  Qualche anteprima,  sono state 6359  le persone che hanno bussato ai centri d’ascolto così come 1828 hanno chiesto aiuto alle opere segno della Caritas Diocesana.

 

 

Invia una Risposta

Attenzione: la moderazione dei commenti è attiva e questo può ritardare la loro pubblicazione. Non inoltrare più volte lo stesso commento.