il Quotidiano di Salerno

direttore: Aldo Bianchini

MORETTI: incontra la Diocesi

 

 

              Da don Nello Senatore (resp. Ufficio comunicazioni sociali)

Famiglia, vivi e trasmetti la fede!”, dunque, costituisce lo slogan più incisivo con cui vogliamo sintetizzare l’idea di fondo del Piano Pastorale Diocesano 2012-2013 […]Affido questo strumento alla corresponsabilità dei Parroci, dei religiosi e delle religiose, delle associazioni e dei movimenti ecclesiali e, in modo particolare, delle famiglie, perché se oggi vogliamo riscoprire la bellezza della fede spetta a ciascuno di noi sostenere e sentirsi responsabile del cammino di fede degli altri. Mi auguro che in ogni parrocchia, a partire dalle linee unitarie tracciate nel presente sussidio e facendo tesoro delle esperienze dell’anno appena trascorso, si possa elaborare un progetto pastorale parrocchiale che traduca le riflessioni e le indicazioni operative diocesane in un cammino condiviso.” (S.E. Monsignor Luigi Moretti, lettera di presentazione al Piano Pastorale 2012-2013).Martedì 11 settembre 2012, alle ore 19.00, presso il Seminario Metropolitano “Giovanni Paolo II”, sito in Pontecagnano Faiano (SA), S.E. Monsignor Luigi Moretti consegnerà il Piano Pastorale Diocesano 2012-2013, l’agenda pastorale diocesana e darà il “mandato” di evangelizzare  a circa 500 operatori pastorali, affinché in ogni comunità dell’Arcidiocesi si inizi il rinnovato  cammino di fede in comunione con la Chiesa e nella corresponsabilità.Il percorso pastorale di quest’anno sarà tutto incentrato sul ruolo della famiglia nell’attuale contesto sociale.  Famiglia che vive nel mondo combattendo, quasi sempre da sola,  la crisi economica, la mancanza di lavoro, il difficile rapporto con i figli.  Tutte queste difficoltà la Chiesa locale vuole fare proprie ed offrire, a chi desidera serenità e fiducia in un futuro migliore, da percorrere insieme.

Invia una Risposta

Attenzione: la moderazione dei commenti è attiva e questo può ritardare la loro pubblicazione. Non inoltrare più volte lo stesso commento.