il Quotidiano di Salerno

direttore: Aldo Bianchini

Regione: SEL contro De Luca

 

Da Tonino Scala

NAPOLI – Mi auguro che le notizie apparse questa mattina sui quotidiani salernitani siano boutade giornalistiche. Sarebbe gravissimo se il presidente della Regione alle prese con vicende alquanto delicata come la sanità, rifiuti e trasporti, intervenisse nelle nomine del Comune di Salerno. Vero, la città di Salerno è il feudo elettorale che ha fatto la fortuna di Vincenzo De Luca. Vero anche che è in atto un vero e proprio processo di salernitizzazione della Regione Campania. Ma un intervento  del governatore per affrontare e gestire comune e partecipate, qualora le notizie fossero vere, sarebbe da un lato una ingerenza assurda, dall’altro una distrazione inutile e deleteria per un presidente che dovrebbe fare ben altro. Fino a questo momento abbiamo assistito a conferenze stampa dove si annunciava l’impossibile, nella vita reale invece ci sono stati  semplicemente ritardi sulle attività  che de luca aveva stabilito sulla sua tabella di marcia giá nel primo anno di mandato. Ad oggi per i trasporti abbiamo solo un iniziativa che riguarda il sistema gratuito per i giovani che sembra più una resa: non ci sono mezzi di trasporto? Allora meglio darli gratis. Per la sanità  abbiamo assistito solo ed esclusimente alle nomine dei commissari. Non vorrei che  queste distrazioni siano dettate dalle vicende comunali salernitane. È giunto il momento del fare della sostanza, bisogna affrontare questioni e vicende leggermente più serie come la chiusura di ospedali, trasporto per i pendolari e vicenda rifiuti. De Luca non dimentichi mai che non fa più  il sindaco di Salerno ma il Presidente della regione Campania. Ad affermarlo è Tonino Scala coordinatore regionale di SI-SEL.

Invia una Risposta

Attenzione: la moderazione dei commenti è attiva e questo può ritardare la loro pubblicazione. Non inoltrare più volte lo stesso commento.