il Quotidiano di Salerno

direttore: Aldo Bianchini

GINNASTICA RITMICA, CLAVETTE D’ORO PER LA POSEIDON SALERNO

Di Rosario Pitton

 

ANGRI – Si è svolta nel Palazzetto del 1° Circolo Didattico Beato A.M. Fusco di Angri  la fase regionale del Campionato d’ Insieme Gold di Ritmica della Federazione Ginnastica d’Italia, organizzato in maniera impeccabile dalla locale società Evoluzione Danza. Molto apprezzate la location, la scenografia e l’ospitalità, curate nei dettagli dalla Presidente del sodalizio Colomba Cavaliere collaborata da Annamaria Gallo, nonostante fossero entrambe al loro battesimo organizzativo.

Nella categoria allieve 5 funi il titolo regionale è andato alla società Juvenilia Cava dé Tirreni di Raffaella Cammarota, con le ginnaste Roberta Di Marino, Antonia Giocondo, Vittoria Giordano, Giulia Santoriello e Lorelay Vitale, seguita dalla Poseidon Salerno di Daniela Rinaldi, che ha conquistato, invece, l’oro nella categoria giovanile con l’esercizio 10 clavette eseguito da Flaminia Bove, Serena De Nardo, Annunziata Podda, Noemi Trotta e Anna Raffaella Tucci (sul primo gradino del podio nella foto). Alle loro spalle la  società Ginnastica Sorrento di Pia Cuomo e la società La Verdiana Caserta di Barbara Liguori. Per la categoria Open, esercizio con 3 palle e 2 funi, il gradino più alto del podio è stato occupato dalla Ginnastica Sorrento con Elena Chiavazzo, Alessia Coppola, Lorenza Gargiulo, Emanuela Marulo e Annalisa Santangelo, seguita dalla Juvenilia e dalla società torrese Fortitudo di Barbara Guarro. La gara è stata teletrasmessa in diretta streaming dalla emittente Mondo Web Tv, a beneficio di quanti non fossero sugli spalti dell’impianto sportivo.

Le ginnaste, dopo aver affrontato una dura giornata competitiva, hanno ottenuto dalla giuria, composta da Cinzia Di Salvatore, Liliana Leone, Alessia Mari e Tiziana Califano, il pass per la fase nazionale in programma ad Arezzo nel primo fine settimana di giugno.

Invia una Risposta

Attenzione: la moderazione dei commenti è attiva e questo può ritardare la loro pubblicazione. Non inoltrare più volte lo stesso commento.