il Quotidiano di Salerno

direttore: Aldo Bianchini

“UNA STORIA SBAGLIATA AZZARITI, BADOGLIO, BIANCHERI, HUDAL, ORLANDI, COSTERMANO UN SECOLO DI BUGIE E DI MEZZE VERITÀ” di Massimiliano Amato Ottavio Di Grazia Nico Pirozzi

 

SALERNO, 19 giugno 2018

Cosa e quanto conosciamo di alcuni dei protagonisti della nostra storia recente? Esiste una narrazione diversa da quella che almeno tre generazioni di italiani hanno tramandato ai loro figli? Quanti e quali tasselli di verità sono stati distorti o sottratti alla realtà dei fatti?

Pietro Badoglio, Gaetano Azzariti, e Alois Hudal. Un generale del Regio Esercito, un alto magistrato divenuto presidente della Corte Costituzionale e un vescovo di Sacra Romana Chiesa. Cos’hanno in comune queste tre persone? E ancora, cosa significa trovarsi al centro della storia solo per un caso? L’inedita storia del “no” di Luigi Biancheri, ammiraglio della Regia Marina Italiana, che senza esserne consapevole salvò dalla deportazione nei lager nazisti migliaia di ebrei tunisini. E anche quella di Carlo Orlandi che, nell’ottobre 1940, trasse in salvo gran parte dei naufraghi del “Pentcho”, i protagonisti della più incredibile tra le fughe dall’Europa antisemita. Infine, la singolare storia di un cimitero che ha riservato una tomba e una croce ad alcuni tra i peggiori criminali della storia dell’umanità.

Sono queste le vicende al centro del libro “Una storia sbagliata” scritto da Massimiliano AmatoOttavio Di GraziaNico Pirozzi, edito dalle Edizioni dell’Ippogrifo, che sarà presentato giovedì 21 giugno (ore 19) nella Sala Conferenze del Municipio di Battipaglia, in piazza Aldo Moro.

Un evento organizzato dalla libreria Mondadori Bookstore di Battipaglia.

Dopo i saluti del dottor Egidio Mirra, consigliere comunale di Battipaglia, a confrontarsi con gli autori saranno il professor Marcello Ravveduto, docente di Public History all’Università degli Studi di Salerno, e l’avvocato Enrico Giovine.

 

 

 

Invia una Risposta

Attenzione: la moderazione dei commenti è attiva e questo può ritardare la loro pubblicazione. Non inoltrare più volte lo stesso commento.