il Quotidiano di Salerno

direttore: Aldo Bianchini

«Intollerabile l’incendio nello Stir di Battipaglia. Si indaghi sui roghi, si verifichino i codici autorizzati. Occorre anche un intervento della Regione e del Ministro dell’Ambiente »

 

 

 

 

 

Gigi Casciello (Forza Italia)

«A distanza di pochi giorni dall’incendio nell’azienda Nappi Sud, dobbiamo registrare un altro pericoloso rogo, questa volta nell’impianto ex Stir di Battipaglia, la struttura per il trattamento a freddo dei rifiuti indifferenziati. Il rapido intervento dei Vigili del Fuoco ha scongiurato il peggio. Ma tutto ciò non è più tollerabile». A ribadirlo è il Deputato di Forza Italia Gigi Casciello, che ricorda: «E’ noto che il territorio di Battipaglia è una delle “zone rosse” del ciclo dei rifiuti in Campania, con tutti i problemi conseguenti. La popolazione paga scelte politiche sbagliate e che non abbiamo mai condiviso: sacrificare un territorio per salvarne altri. La situazione ambientale è molto grave e riteniamo non possa attendere i tempi della giustizia, ma richieda un immediato intervento politico da parte della Regione Campania e da parte del Ministero dell’Ambiente. Quest’episodio, in più, fa temere che si aggraverà la situazione di emergenza rifiuti che sta vivendo già la provincia di Salerno a causa dell’incapacità del centrosinistra».

Il parlamentare azzurro continua: «Le emergenze contingenti, dovute anche agli incendi non devono distrarre dal tema caldo: la localizzazione di tanti impianti di gestione di rifiuti nell’area di Battipaglia, a poca distanza tra loro. Come è possibile una tale concentrazione di nuovi impianti? La risposta è semplice. Gli uffici regionali non hanno applicato il criterio fondamentale del procedimento di valutazione di impatto ambientale che è quello della globalità della “valutazione di impatto ambientale”. Considerando il cumulo di tutti gli impatti, difficilmente il giudizio di compatibilità ambientale sarebbe potuto essere favorevole. Si stanno gravemente violando i principi comunitari di prevenzione del danno ambientale, di precauzione e di globalità della valutazione di impatto ambientale e, in particolare, non si applica il criterio del “cumulo degli impatti”». L’On. Gigi Casciello chiede un intervento urgente alla Regione Campania: «Il Consiglio regionale intervenga affinché gli uffici regionali annullino in autotutela le autorizzazioni agli impianti. Ve ne sono tutti i presupposti. Quanto segnalato, ovviamente, dovrebbe essere attentamente valutato dal Consiglio regionale della Campania ma anche dalla maggioranza parlamentare, al fine di approvare finalmente un’organica disciplina legislativa della valutazione di impatto ambientale che non può essere affidata all’attuale quadro disorganico, peraltro antecedentemente alle nuove norme comunitarie in materia di valutazione di impatto ambientale». «Nell’immediato ribadiamo che la Regione che ha rilasciato le autorizzazioni, come da norma di legge, verifichi urgentemente la corrispondenza con i codici CER e con i quantitativi lavorati all’interno degli impianti autorizzati. Occorre un sistema di ispezione per le aziende già autorizzate, l’attuazione di misure di verifica della loro conformità, nonché l’adozione di tutte le misure necessarie in caso di inosservanza delle autorizzazioni. Non si può più tollerare questa situazione che non tutela la salute della popolazione di Battipaglia e dei comuni limitrofi. Infine, è necessario che in via legislativa si intervenga. Il Ministro dell’Ambiente Costa superi le difficoltà politiche che sta subendo, presenti finalmente il decreto legge sulle “Terre dei fuochi”, da lui tanto annunciato, e faccia in modo di rivedere le disposizioni normative in materia di autorizzazione degli impianti inquinanti e che trattano rifiuti. Se per fare questo occorre modificare la norma che venga fatto immediatamente, Costa agisca subito, altrimenti le comunità saranno lasciate sole e non saranno affatto tutelate».

Invia una Risposta

Attenzione: la moderazione dei commenti è attiva e questo può ritardare la loro pubblicazione. Non inoltrare più volte lo stesso commento.