il Quotidiano di Salerno

direttore: Aldo Bianchini

E’ morto all’età di 92 anni Tito Stagno, icona di un giornalismo appassionato e professionale, Maestro di una televisione di altri tempi.

da Pietro Cusati

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Roma ,2 febbraio 2022. E’ morto uno dei grandi nomi del giornalismo italiano Tito Stagno a 92 anni , lo storico telecronista Rai che raccontò agli italiani l’allunaggio . Iniziò giovanissimo come cronista, lavorando per la radio, poi passò alla televisione, dove divenne uno dei volti più amati del piccolo schermo e apprezzato dal popolo italiano per la sua professionalità. “Ha toccato! Ha toccato in questo momento il suolo lunare”. La frase che Stagno pronunciò il 20 luglio 1969,oltre 25 ore di trasmissione in collegamento con Houston dove c’era Ruggero Orlando, per coinvolgere gli italiani in quell’attimo storico in cui l’uomo mise piede sulla Luna.Tito Stagno annunciò l’allunaggio con pochi  secondi di anticipo e Ruggero Orlando con pochi secondi di ritardo. Tito Stagno,nato a Cagliari il 4 gennaio 1930, fu il telecronista che commentò il primo volo di Juri Gagarin intorno alla Terra. Per 17 anni è  stato responsabile dello sport su Rai Uno. Curò la trasmissione La Domenica Sportiva ,andato in pensione, continuò a scrivere per L’Eco di Bergamo e la Gazzetta di Parma. Da giovane prese parte ad alcuni film  come  “Il vedovo” diretto dal maestro Dino Risi in cui ebbe un  ruolo accanto ad Alberto Sordi, ma il suo destino non era quello dell’attore. È nel 1949 che inizia la sua carriera nel mondo del giornalismo, con il primo lavoro in radio dove svolse il ruolo di cronista e anche documentarista: una dote, quella di raccontare il mondo in ogni suo piccolo dettaglio e di arricchire la narrazione di un evento in tempo reale che è stata una delle sue caratteristiche più spiccate, che ha segnato il suo modo di parlare agli italiani di sport, di attualità e di qualsiasi argomento. Nel 1955 inizia la sua avventura televisiva, dopo aver partecipato ad un corso di specializzazione che gli consentì di entrare nella redazione per il primo telegiornale, diretto da Vittorio Veltroni.La sua voce accompagnò eventi importanti come l’arrivo di Capi di stato stranieri in Italia, dai reali inglesi, al presidente americano John Fitzgerald Kennedy, seguendo anche l’elezione di due Papi ovvero Giovanni XXIII e Paolo VI, nonché due Presidenti della Repubblica: Antonio Segni e Giuseppe Saragat. Tra gli eventi senza dubbio più significativi per la storia dell’umanità, c’è stato il primo volo di Jurji Gagarin attorno alla Terra, che fu raccontato nel dettaglio da Tito Stagno nel 1961, la passione con cui si mise al servizio della televisione italiana, diventando il giornalista per eccellenza delle trasmissioni in diretta.Sua la voce che annunciò l’effettivo sbarco sulla Luna del 20 luglio 1969 con il suo celebre ed emozionato “Ha toccato! Ha toccato il suolo lunare”, in collegamento con la stazione di Houston. Una delle esperienze professionali e di vita che il giornalista ha sempre raccontato con grande  nostalgia: “Una stagione di entusiasmi, di coraggio, di desiderio di conoscenza che si rivelò’ poi troppo breve”.Negli anni a seguire la sua passione per il racconto giornalistico spaziò in vari ambiti, tanto che Tito Stagno divenne un punto di riferimento anche per reportage fuori dall’Italia, documentando eventi e circostanze importanti per la storia recente.

 

 

.

Invia una Risposta

Attenzione: la moderazione dei commenti è attiva e questo può ritardare la loro pubblicazione. Non inoltrare più volte lo stesso commento.