il Quotidiano di Salerno

direttore: Aldo Bianchini

SANITA’: dal Fucito buone notizie … finalmente una conferma

 

La redazione

(Comunicato di Maria Romana Del Mese – portavoce AOU/Ruggi)

Dr. Claudio Zulli

MERCATO S.S. – Un trapiantato epatico, di Salerno, operato a Pisa, è stato successivamente trattato con coledocoscopia e protesi, dall’equipe del dottore Attilio Maurano, presso l’ospedale ‘Gaetano Fucito’ di Mercato San Severino. L’intervento innovativo, ultimato con successo dal dottore Claudio Zulli, con la supervisione del dottore Maurano, è stato necessario per risolvere delle problematiche che possono insorgere dopo un trapianto al fegato, e dopo che nello specifico, il fegato del donatore, viene attaccato alla via biliare, che fa da collegamento all’intestino del trapiantato. Questa procedura, nel tempo, dà origine a restringimenti, causati da esiti cicatriziali del trapianto, per cui la bile ha un impedimento a fuoriuscire dal fegato. Per risolvere questa condizione, i medici del Fucito, hanno esplorato la via biliare del paziente, con un endoscopio di 3 millimetri, allargando in seguito la suddetta cicatrice e posizionando al suo interno, un tubicino o protesi di plastica per far sì che la bile possa tornare a defluire verso l’intestino.

L’intervento, del soggetto trapiantato, è stato svolto previa anestesia generale dello stesso, con l’ausilio di accessoristica all’avanguardia e con l’esperienza necessaria per poterla utilizzare. ‘Sarebbe interessante e incoraggiante far sapere ai Salernitani che questi interventi si possono fare anche nel nostro ospedale, punto di riferimento per l’alta specializzazione e competenza che lo contraddistinguono’, dichiara il dottore Maurano, che riceve insieme alla sua equipe, i complimenti della Direzione Generale, Amministrativa e Sanitaria dell’AOU San Giovanni di Dio e Ruggi d’Aragona di Salerno.

 

Invia una Risposta

Attenzione: la moderazione dei commenti è attiva e questo può ritardare la loro pubblicazione. Non inoltrare più volte lo stesso commento.