il Quotidiano di Salerno

direttore: Aldo Bianchini

PSI Campania. Con una maratona on line si è ricordata la figura di Fausto Corace Maraio: Un esempio, per noi giovani capace di essere sempre da sprono al nostro impegno

 

Dr. Fausto Corace

Un ricordo molto partecipato quello promosso dal Psi Campania ieri pomeriggio per ricordare Fausto Corace a dieci anni dalla sua scomparsa. In streaming sui canali social del Partito Socialista tanti i compagni che sono intervenuti su invito del segretario regionale del Psi, Michele Tarantino. Dal consigliere regionale Andrea Volpe al segretario provinciale di Napoli, Luigi Di Dato. Tanti gli interventi che hanno visto alternarsi nella maratona on line tra cui quelli di Antonio Del Vecchio, Marco Lamonica, Gaetano Amatruda, Salvatore Sannino, Marco Riccio, Maria Luisa Chirico, Antonella Marciano, Carla Lardone.

 

“Ci sono uomini che hanno saputo rappresentare i valori socialisti in maniera alta”, ha dichiarato il Segretario Nazionale del Psi, Enzo Maraio. “Farlo in momenti difficili e riuscirci senza mai chinare la testa. Tra questi sicuramente Fausto Corace è stato un uomo che ha dato molto al partito e tanto a noi giovani socialisti che ci affacciavamo alla vita politica. Un esempio, sempre disponibile a chiarire i dubbi e le amarezze, ma anche capace di essere da sprono al nostro impegno. A lui la norma che ha introdotto la doppia preferenza di genere nella legge elettorale campana. Fummo la prima regione. Guardava avanti e sapeva che scippare agli elettori la possibilità di scegliersi i propri rappresentanti, era ed è un furto alla democrazia. Anche nel suo segno” – ha concluso Maraio – “abbiamo avviato una petizione per il ritorno delle preferenze alle elezioni politiche”.

 

“Oggi abbiamo salutato un grande compagno. Un socialista autentico, attento osservatore della politica e della sua dimensione istituzionale” – sono le parole del Segretario Regionale del Psi Campania, Michele Tarantino. “Un uomo fortemente legato al territorio che ha portato in consiglio regionale il suo contributo fondamentale, intenso e innovativo. Un galantuomo capace di tenere unito il partito nei momenti più difficili per la vita dei socialisti. Farlo sempre a testa alta con quella cultura politica che gli dava autorevolezza in tutti i contesti che frequentava, istituzionali e non. Per noi giovani è stato un punto di riferimento fondamentale”.

 

Fausto Corace, direttore generale del Ctp negli anni ’90, è stato giovane assessore all’urbanistica nella giunta Valenzi e poi Consigliere regionale della Campania dal 2000 al 2010. Lega il suo nome, tra l’altro, alla norma che ha introdotto la doppia preferenza di genere nella legge elettorale campana.

 

 

Invia una Risposta

Attenzione: la moderazione dei commenti è attiva e questo può ritardare la loro pubblicazione. Non inoltrare più volte lo stesso commento.