il Quotidiano di Salerno

direttore: Aldo Bianchini

LA FINTRED AVELLINO/SALERNO IN FESTA PER IL TRAPIANTO DEL VICE PRESIDENTE ENZO SILVESTRI

da Alfonso Ferraioli

 

 

 

 

 

 

Ogni giorno, aprendo un giornale o guardando un servizio al Tg, le notizie sulla mala sanità sono ricorrenti, poi se si parla del meridione, sembrano addirittura amplificarsi. Io invece da semplice cittadino vorrei spezzare una lancia a favore di una realtà di eccellenza, purtroppo, molte volte sommersa da troppe dicerie, che ne oscurano l’operato. Ero un paziente in IRC al quinto stadio, mi sottoponevo a Emodialisi tre volte a settimana, 4 ore a seduta, tutto questo per quasi 10 anni, lascio a voi immaginare il calvario sostenuto. Bene, il calvario finisce quest’anno, precisamente il 18/01, quando alle ore 23 mi arriva la telefonata da parte del Centro Trapianti di Salerno, che mi avvisa che ci sarebbe stata la possibilità di una nuova vita per me. Da quel momento è cambiata la mia vita, sono stato accolto in un reparto con la stessa cura che si presta a un neonato, il Reparto Trapianto diretto dal Primario Dott. Paride De Rosa. Durante il percorso pre e post operatorio ho avuto il privilegio di conoscere uno ad uno, tutti i medici gli infermieri e gli operatori socio sanitari che compongono l’equipe: la Dott,ssa Grasso che mi ha accolto la famosa sera del ricovero, i Dottori Ferrara e Cerbone, che con la loro gentilezza e professionalità mi hanno supportato, fino alla fatidica frase, “Preparati andiamo in sala operatoria”, i dottori Russo, Sarno e Valeriani avevano il loro bel da fare affinché tutto procedesse nei migliori dei modi, il tutto coordinato dal Primario. Terminata l’operazione alle ore 21 del 19/01, venivo portato in camera ed affidato ad un’altra equipe di eccellenza, gli Infermieri, coordinati da Roberta Musella, una famiglia amorevole: Anna, Carmine, Elena, Emanuele, Francesco, Ida, Katia, Luca, Maddalena, Maria A., Maria C. e Rosy, unitamente agli OSS Annamaria, Gaetana, Raffaele e Rosaria, che a turno 24 ore su 24, seguendo scrupolosamente le direttive mediche, hanno reso il periodo della mia degenza, un vero paradiso. Un paradiso fatto di ordine, pulizia, competenza e professionalità ai massimi livelli. Permettetemi un ulteriore ringraziamento, a colei che accoglie tutte le richieste di inserimento in lista, la coordinatrice Cristina Vernieri e la sua collaboratrice Virginia Schettino che accoglie il dializzato, in procinto di sostenere la visita per l’idoneità alla lista trapianto. La morale della storia è questa, a Salerno, Campania, Sud Italia, esiste una eccellenza nel campo dei trapianti di rene, un luogo in cui il paziente non è un numero o una bandierina da sventolare, ma un Essere Umano che va curato e supportato, senza fargli mancare nulla. Peccato che questo fiore all’occhiello della sanità del meridione, sia vittima del mal costume italico, i luoghi comuni che portano sempre a pensare e dire che nel meridione nulla funziona. Mi chiamo Vincenzo Silvestri anni 53, sono il vice presidente della Fintred Avellino/Salerno, la mia vita il 19 gennaio di quest’anno è cambiata, grazie ad una famiglia che ha detto SI alla donazione, ma se il grande dono è diventato realtà, lo devo all’eccellenza del Reparto Trapianti di Salerno di cui sono il trapiantato n. 498, e continuerò a non tacere e a portare ovunque la mia testimonianza, nel nome di coloro che sono ancora attaccati alla macchina della dialisi a giorni alterni, che possano anche loro ricevere prima possibile la telefonata. Non tacerò, anche per continuare a dire Grazie a coloro che decidono, nel caso se ne presentasse l’occasione, di DONARE PER LA VITA

Invia una Risposta

Attenzione: la moderazione dei commenti è attiva e questo può ritardare la loro pubblicazione. Non inoltrare più volte lo stesso commento.