il Quotidiano di Salerno

direttore: Aldo Bianchini

Furia Lotito

Fabio Gioia

Che non fosse un carattere tranquillo si sapeva da anni, già da quando era solo proprietario della Lazio, ma Lotito qualche non simpatizzante a Salerno, a causa delle sue dichiarazioni, se lo sta facendo. Ultima delle sue sfuriate, con il tema che rimane sempre lo stesso, tifosi allo stadio, è stata alla trasmissione televisiva Lira Tv, con il presidente granata che non riesce a mandare giù i “soli” 4000 tifosi presenti, record negativo per l’Arechi, ma comunque la migliore della categoria.“Secondo me sono pochissimi 3800. A me della media della Lega Pro non mi interessa, perche la media degli altri stadi è di 500. Non iniziamo con questa storia. La media degli ingaggi delle altre squadre è di 400-500 mila euro totali; io spendo 5 volte la media. Ma se iniziamo sempre lo stesso discorso…” questa è stata la sua risposta a chi gli ha fatto notare che questo suo malcontento sia stato troppo esagerato.Lotito continua facendo anche riferimento su qualche striscione comparso contro i giovani della Lazio:  “Forse non conoscono gli elementi del vivaio biancoceleste e la categoria in cui siamo. La Salernitana sta “tra color che son sospesi” in C2 ma ha una rosa da C1 e a detta di tutti la qualità della squadra è notevolmente elevata. I primi risultati negativi non dipendono dalla rosa ma dalle scelta sbagliate dello staff tecnico. Adesso stiamo recuperando la retta via e stiamo cercando di risalire la china attraverso il lavoro di persone che non stanno facendo altro che inserire i giocatori nei propri ruoli, adottando moduli adeguati. ma quali giovani? Questi non sono giovani scarsi, ma militavano in Serie B, il peggiore era in C1, chi al Foggia, al Taranto ma la C2 è stato un declassamento per loro, non per Salerno. A parte Zampa che era nella Primavera”.Un Lotito che è a tutto campo, che o si ama o si odia, oramai a Roma sponda biancoceleste l’odio si è sparso per gran parte della tifoseria, qui a Salerno non è ancora a quei livelli, sperando ovviamente che non si arrivi a tanto, perché una grande squadra si può costruire solo quando tifosi e presidenti diventino un unico corpo.

 

Invia una Risposta

Attenzione: la moderazione dei commenti è attiva e questo può ritardare la loro pubblicazione. Non inoltrare più volte lo stesso commento.