il Quotidiano di Salerno

direttore: Aldo Bianchini

Giorgio La Pira: comitato del “NO”

 

Maddalena Mascolo

LAGONEGRO (PZ) – Nella città  di Lagonegro nasce il comitato regionale del ” Centro Studi Giorgio La Pira” per il NO alla Riforma Costituzionale, voluta dall’attuale governo.Persone di diversa estrazione culturale e politica  si riconoscono nel NO  alla riforma Costituzionale e nel pensiero di Giorgio La Pira,  poiché detta riforma non tiene conto, tra le altre cose, della continua crescita, nell’attuale momento storico della violazione dei diritti umani. Diritti umani che furono al centro dell’azione politica di Giorgio  La Pira.

Giorgio La Pira, democristiano, la sottosegretario al ministero del lavoro, sindaco di Firenze, padre costituente e uomo politico di profondissima sensibilità religiosa ,svolse un ‘opera apprezzata nell’ambito della Commissione dei 75, specialmente nella redazione , dei principi fondamentali della Costituzione , tanto che l’art 2 che riconosce e garantisce  l’inviolabilità dei diritti umani venne modellato attorno alla sua proposta iniziale.

Il coordinatore del comitato è  Alessandro Casale, responsabile regionale della Basilicata e componente del direttivo nazionale del “Centro Studi La  Pira”, ne fanno parte inoltre:

prof. Nando Capaldo, già dirigente  scolastico, scrittore, saggista, autore di numerose pubblicazioni;

dott. Pietro Calabrese, già funzionario del Ministero della Difesa;

Roberto Picardi, presidente dell’Associazione Sant’ Agostino.

Il coordinamento si prefigge attraverso tavole rotonde, conferenze ed assemblee di approfondire gli articoli oggetto del referendum. Si inviteranno giuristi di chiara fama per approfondire i temi del dibattito.

Il comitato, che  non è legato ad alcuna forza politica, si pone su un piano esclusivamente tecnico in quanto vede attraverso tale riforma un indebolimento dei principi che ispirarono i nostri padri costituenti.

Invia una Risposta

Attenzione: la moderazione dei commenti è attiva e questo può ritardare la loro pubblicazione. Non inoltrare più volte lo stesso commento.