il Quotidiano di Salerno

direttore: Aldo Bianchini

BANCA DEL CILENTO, VERSO UNA NUOVA APERTURA NEL VALLO DI DIANO

 

La redazione

VALLO della LUCANIA – La Banca del Cilento sta valutando l’idea di aprire in tempi brevi una nuova filiale nel Vallo di Diano. Si consolida dunque sempre di più il rapporto tra l’Istituto Bancario con sede a Vallo della Lucania e il territorio valdianese. A partire dall’aggregazione con l’ex BCC di Sassano, diventata operativa lo scorso 1° luglio, l’attenzione della Governance della Banca del Cilento è stata massima nei confronti dei soci e dei clienti del Vallo di Diano. In tutte le filiali è stato ottimamente recepito il modo di operare della ex Banca del Cilento e Lucania Sud, e la rete territoriale è stata implementata con l’apertura della filiale di Atena Lucana, che in pochi mesi ha già dato risultati davvero interessanti.

Un quadro generale insomma di grandi soddisfazioni, ed esiti al di là delle aspettative dello stesso Piano Aziendale: tanto che dall’assidua presenza in particolare del direttore Ciro Solimeno nel territorio valdianese, sono nati nuovi progetti e idee per potenziare e sviluppare ulteriormente il rapporto tra Banca del Cilento e Vallo di Diano.

“Di recente con i colleghi -conferma il direttore generale Ciro Solimeno- nell’ambito di un Comitato di Direzione abbiamo ragionato proprio della nostra copertura territoriale. In una prima ripartizione territoriale che avevamo effettuato, più che altro longitudinale e che andava da sud a nord, avevamo sostanzialmente suddiviso il Vallo di Diano in tre aree: l’area agricola, l’area commerciale e l’area industriale. Ora abbiamo integrato queste valutazioni con una ulteriore ripartizione, che prende a riferimento l’asse autostradale, principale riferimento territoriale”. Solimeno evidenzia che, percorrendo l’asse autostradale verso nord, indubbiamente la parte alla destra dell’asse ha sue caratteristiche ben sviluppate. Ma anche il territorio posto sul lato sinistro della Salerno-Reggio Calabria possiede altrettante interessenze e motivazioni di grande interesse. “Abbiamo cominciato a conoscere meglio -sottolinea il direttore generale- anche l’area interna che va da Teggiano a Sant’Arsenio, ai piedi delle montagne che fanno da barriera tra il Vallo di Diano ed il Cilento, e la consideriamo di assoluto interesse. Credo che proprio in questa parte di territorio la nostra presenza possa essere potenziata: si tratta di un’area che in particolare negli ultimi anni ha avuto uno sviluppo notevole, oltre ad esprimere un considerevole numero di realtà imprenditoriali e industriali. Su questo stiamo ragionando, e non escludiamo di prendere in considerazione ulteriori aperture in tempi rapidi”.

Intanto proprio nel Vallo di Diano continuano gli incontri settimanali sempre più partecipati voluti dal direttore Solimeno con i preposti di filiale. In particolare l’ultimo tema trattato è stato l’Attività di Pre-Contenzioso decentrato sulle filiali. Ad accompagnare Solimeno i responsabili del servizio, che hanno potuto dialogare con i preposti delle filiali per analizzare eventuali problematiche e poterle così affrontare e risolvere. “Si tratta di appuntamenti -spiega Solimeno- voluti per discutere, scambiarsi esperienze e capire a che punto siamo. Mettere in comunicazione esperienze diverse serve per crescere, e per comprendere come affrontare determinate problematiche operative che, proprio per la nostra enorme estensione territoriale, in alcune zone sono a regime e in altre da perfezionare. Serve inoltre a migliorare il nostro affiatamento. Il fatto che effettuiamo regolarmente queste riunioni nel Vallo di Diano -conclude Solimeno- conferma la centralità del territorio valdianese nella nostra realtà presente, e nei nostri progetti futuri”.

Invia una Risposta

Attenzione: la moderazione dei commenti è attiva e questo può ritardare la loro pubblicazione. Non inoltrare più volte lo stesso commento.