il Quotidiano di Salerno

direttore: Aldo Bianchini

Bcc Aquara: Bilancio 2016, ancora un successo

 

La redazione

 

AQUARA – Approvato il bilancio 2016 dal Con­siglio di amministrazione della Bcc Aquara presieduto da Luigi Scorziello che ha preso atto della bontà dell’a­zione e dei risultati dovuti all’attività del direttore generale Antonio Mari­no e di tutto il personale.

RACCOLTA – Nel corso del 2016 la raccolta diretta è cresciuta di poco perché l’Azienda si è data questa strategia semplicemente riducendo i tassi sui depositi della clientela, in linea con le scelte della BCE di ap­plicare alle giacenze addirittura tassi negativi. Il tutto anche in sintonia con la forte riduzione dei tassi sui titoli di stato.

IMPIEGHI – Gli impieghi alla clien­tela sono invece cresciuti in maniera molto significativa di un + 9,8% ed i nuovi fidi deliberati sono cresciuti del 26,3%. Sono cifre che testimoniano la disponibilità della Banca ad ac­compagnare la crescita delle nostre comunità. La Banca ha continuato ad investire e ad assecondare le istanze di credito che giungono da parte di una clientela sempre più numerosa.

UTILE – Altrettanto significativo è risultato l’utile netto d’esercizio ad euro 2.611.000 che porta la nostra Banca ad essere una delle banche più redditizie tra le BCC della Campania. Negli ultimi 5 anni la nostra Banca ha prodotto complessivamente utili d’esercizio pari a euro 12.313.000.

CONTI CORRENTI – Altrettanto importante è risultato l’incremento dei conti correnti accesi a nome della clientela, arrivati a superare le 12.000 unità. Complessivamente dobbiamo registrare la bontà del bilancio 2016 che ha visto ancora la crescita della nostra Banca sia in termini patrimo­niali che reddituali.

In un contesto come il nostro di sto­rica difficoltà economica e di onda lunga di una crisi che non cessa di procurare difficoltà, consegnare un bilancio così positivo è motivo certa­mente di soddisfazione e di orgoglio.

Invia una Risposta

Attenzione: la moderazione dei commenti è attiva e questo può ritardare la loro pubblicazione. Non inoltrare più volte lo stesso commento.